Visura catastale: cos’è, come si richiede e quanto costa

Indice articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Hai mai sentito parlare di visura catastale? Se stai leggendo questo articolo la risposta è certamente sì. Ma sai cos’è e a cosa serve? La visura catastale è un documento che permette di consultare una serie di informazioni sui beni immobili e i loro intestatari. Da una visura catastale possiamo ricavare  info utili su terreni e fabbricati di nostra proprietà o appartenenti di altri. Le informazioni catastali (con alcune eccezioni) sono infatti pubbliche e  quindi consultabili liberamente da tutti, pagando i relativi tributi speciali. La consultazione dei proprietari o di chi è titolare di altri diritti sul bene è invece completamente gratuita.

Come e dove si richiede la visura catastale? E quali sono i costi del servizio?

Vediamo allora come richiedere la visura catastale. È possibile procedere alla richiesta della visura catastale in qualsiasi Ufficio provinciale –Territorio, presso lo sportello catastale decentrato, presso lo Sportello Amico attivo negli uffici postali e anche online. In quest’ultimo caso basta utilizzare il servizi web dell’Agenzia delle Entrate o di Certitel Catasto Web di Poste Italiane. Ovviamente la visura catastale viene rilasciata in formato cartaceo se viene richiesta agli sportelli, oppure come file in formato PDF se richiesta telematicamente. Se i dati sono disponibili solo su supporto cartaceo, la consultazione dovrà essere effettuata esclusivamente presso l’Ufficio provinciale – Territorio. Per trovare l’Ufficio provinciale – Territorio più vicino al proprio domicilio basta consultare questo servizio di ricerca disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Quanto costa il rilascio della visura catastale?

Come scritto sopra, il rilascio di una visura catastale prevede sempre il pagamento di tributi speciali, tranne nell’ipotesi in cui il richiedente vanti diritti di proprietà o altri diritti reali sui beni immobili interessati dalla visura. In quest’ultimo caso, per i beni di cui risulta essere titolare in catasto, il richiedente potrà usufruire di una esenzione completa dei tributi. È inoltre previsto un ulteriore costo del servizio, in aggiunta ai tributi, nel caso in cui il servizio venga erogato in collaborazione con Poste Italiane. Per individuare il costo del servizio, sulla base delle proprie necessità o del formato richiesto per la
consultazione e l’estrazione dei dati catastali, è possibile consultare questo schema dei tributi speciali catastali sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come effettuare la ricerca catastale

La ricerca catastale può essere effettuata sulla base di due criteri fondamentali. Innanzitutto per immobile, attraverso l’identificativo catastale del bene (si parla di particella per il Catasto Terreni e di unità immobiliare per il Catasto Fabbricati) e dell’indirizzo dell’unità immobiliare urbana (solo per il Catasto Fabbricati). Oppure per soggetto, mediante i dati anagrafici della persona interessata (ricerca valida sia per il Catasto Terreni che per il Catasto Fabbricati). È anche possibile, per quanto in via marginale, effettuare una ricerca per partita, ovvero per un numero che identifica un insieme di immobili su cui gli stessi soggetti vantano contemporaneamente diritti.  Un’ultima curiosità? La ricerca catastale può essere effettuata su dati attuali, se siamo interessati alla situazione catastale corrente, o su dati storici, se invece vogliamo saperne di più a proposito di situazioni passate che hanno riguardato un certo immobile. Che ne dici, sei preparato  per la tua prossima visura catastale?