Tende a vetro: soluzioni comode per la casa

tende vetro

I nuovi sistemi di riscaldamento e la diffusione di vetri più isolanti, uniti alla tendenza verso forme più semplici e sobrie, hanno determinato un declino dei pesanti tendaggi di un tempo. Se una finestra ha un certo valore architettonico o una visuale interessante, non c’è alcun motivo di celarla dietro una tenda. Le tende a vetro si collocano allora bene in quest’ottica per la loro versatilità collegata ad una varietà di decorazioni tra cui poter scegliere.

Potrebbe essere opportuno, ad esempio, collocare delle tende a vetro in una camera da letto o in cucina sia per maggiore riservatezza che per creare un’atmosfera più intima, o anche per impedire l’ingresso della luce al mattino. Appendendo semplici teli, piuttosto che elaborati drappeggi, si apprezzano meglio i colori e i disegni.

Come addobbare una finestra

Le tende fanno da schermo tra un interno ed il resto del mondo, proteggono dalla luce, trattengono il calore ed aiutano a ridurre il rumore circostante. Queste caratteristiche fondamentali vanno considerate in fase di scelta al pari degli aspetti relativi al colore, al design e al tessuto di cui sono composte. Per ornare una finestra o una porta di un balcone le tende si rivelano di solito come la soluzione più ovvia ma possono essere comunque prese in considerazione dei comuni scuri, a persiane o tapparelle.

Tra tipi di tendaggi possiamo trovare le tende formate da pannelli di qualsiasi materiale, le tende a pacchetto, quelle molto pratiche ed economiche a rullo, a saliscendi che permettono di lasciare scoperta la parte alta della finestra, i tendaggi pesanti, le veneziane o quelle a vetro.

Le tende possono essere costituite da vari materiali, generando effetti diversi, sia dal punto di vista pratico che estetico. Il bambù o altri tipi di fibre vegetali, ad esempio, si presentano nel loro colore naturale e, non oscurando completamente, generano particolari giochi di luce. Le tende plissettate sono in carta o in fibre sintetiche, e si impacchettano a fisarmonica scomparendo quasi completamente alla vista; possono essere formate da un doppio strato, con una funzione termoisolante. In generale, i materiali da impiegare variano in base al resto dell’arredamento.

Vantaggi e tipi di tende a vetro

Un primo beneficio di queste tende è la possibilità di potersi adattare perfettamente, se fatte su misura, a qualsiasi sia la forma della finestra e al fatto che grazie alle loro dimensioni ridotte, coprendo soltanto il vetro, non sfigurino all’interno di nessuna stanza. La differenza la farà la scelta del tessuto e delle eventuali decorazioni adoperate per ogni ambiente.

Un altro aspetto non trascurabile è la facilità di montaggio che permette a queste tende di addobbare anche piccole finestre che non presentano alcuno spazio tra l’infisso e la parete. Allo stesso tempo, potendo essere smontate senza problemi, sono ideali in cucina e nei bagni, stanze soggette ad umidità e in cui l’aria può essere viziata da cattivi odori, per cui necessitano di maggiore pulizia. Le loro misure ristrette le consentono di essere lavate comodamente in lavatrice.

Importante è però prendere le misure in modo preciso della larghezza e della lunghezza del vetro che dovrà essere coperto, considerando anche il serramento se si pensa di fissare le bacchette della tenda al di fuori di questo spazio. Su una finestra standard la larghezza comune è di  45 cm, 60 cm, 90 cm mentre la lunghezza è di 110 cm, 120 cm, 140 cm o 160 cm. Le dimensioni standard relative alla lunghezza di una porta finestra sono, invece, di 210 cm fino a 290 cm.

Le tende possono essere fissate tramite tunnel che nasconde i supporti, tramite laccetti o via passanti, nascosti o a vista. Per essere montate possiamo scegliere tra la bacchetta, da fissare direttamente sul vetro o sull’infisso per uno stile essenziale, o il bastone che va collegato al serramento o al muro, che si sposa bene con delle tende arricciate.