Sverniciare un mobile: guida al fai da te

Se sei un amante del fai da te e hai in casa un mobile a cui vorresti cambiare il volto, starai certamente pensando a come affrontare questa sfida. Non aver paura, sverniciare un mobile è un’operazione che ognuno di noi potrà svolgere comodamente in casa propria. Basterà seguire un semplice iter per evitare di danneggiare il nostro mobile e lavorare in completa sicurezza.

Organizzare il lavoro prima di procedere sarà molto importante, per non rischiare di agire d’impulso, rovinando il nostro mobile. Bisognerà prestare maggiore attenzione se stiamo sverniciando un mobile antico.  Non dobbiamo assolutamente rischiare di rovinare la patina del legno, perché questo farebbe perdere al mobile il suo stesso valore. Scopriamo dunque insieme di cosa avremo bisogno per sverniciare, quali sono i passaggi da compiere e le operazioni da evitare.

L’occorrente per sverniciare un mobile

Prima di metterci all’opera dovremo assicurarci di avere tutto il materiale necessario per sverniciare il nostro mobile. Procurarsi il giusto occorrente è infatti il primo passo da compiere. Vediamo dunque di cosa avremo bisogno.

  • Innanzitutto dovremo scegliere il giusto prodotto sverniciatore. Le soluzioni sono molteplici, dobbiamo soltanto fare attenzione a selezionarne uno che sia adatto al legno con cui abbiamo a che fare. Ad esempio se siamo davanti a del legno lucido, sarà meglio ricorrere ad un prodotto decerante. Noi consigliamo di scegliere ad un prodotto in gel. Rispetto ad una soluzione liquida, il gel non rischia infatti di colare una volta che è stato applicato.
  • Avremo poi bisogno di una spatola di acciaio o di un raschietto, necessari per la rimozione della vernice. Per lo stesso motivo sarà bene procurarsi una matassina di lana d’acciaio.
  • Per proteggersi dai prodotti che utilizzeremo, che saranno certamente chimici, dovremo procurarci anche una mascherina, occhiali protettivi, guanti in lattice e un grembiule. Se dovremo lavorare all’interno, sarà bene avere a disposizione un telo copri-tutto per evitare di danneggiare la zona circostante.
  • Per ripulire dopo la sverniciatura serviranno una spugnetta e dell’acquaragia (o alcool denaturato).
  • Non dimenticare infine di procurarti un pennello, possibilmente con le setole in nylon, e del nastro. Il nastro potrebbe servirti soltanto per delimitare delle zone che non vuoi sverniciare.

Il procedimento da seguire

Innanzitutto dovremo fare attenzione al luogo in cui ci posizioneremo. Stare all’aperto è sicuramente consigliabile, ma se ciò non fosse possibile, sarà importante lavorare in uno spazio ben arieggiato. Sarebbe bene anche smontare il mobile per quanto possibile (cassetti, antine, ecc.).

Lavorare singolarmente su ogni componente renderà infatti più semplice l’operazione. Dopo aver messo in sicurezza l’ambiente circostante riparandolo con il telo copri-tutto, potremo iniziare il lavoro vero e proprio.

Un errore comune potrebbe essere quello di trattare inizialmente il mobile con la carta abrasiva. Sconsigliamo fortemente questo passaggio che, oltre che superfluo, potrebbe essere dannoso. La patina del legno potrebbe infatti rovinarsi. La prima operazione da compiere sarà quella di spalmare il prodotto sverniciatore selezionato con il pannello. A questo punto dovremo attendere che faccia effetto. Il tempo d’attesa sarà diverso in base al prodotto, e solitamente è indicato sulla confezione.

Quando superficie sembrerà grinzosa potremo rimuovere la vernice con la spatola d’acciaio. Per eliminare i residui più resistenti si potrà utilizzare poi la lana d’acciaio. È consigliabile applicare e rimuovere il prodotto a piccole porzioni per volta. Si eviterà così di far seccare la superficie, rendendola più difficile da grattare.

Quando tutta la vernice sarà rimossa e il colore originale del legno sarà tornato alla luce, basterà spolverarlo e poi ripulirlo utilizzando la spugnetta e l’acquaragia.

Verniciare il mobile: l’ultima fase

Una volta rimossa la vernice dal nostro mobile, dovremo scegliere quale sarà il nuovo aspetto che vorremo donargli. Potremo scegliere di lasciare in vista il colore originale del legno. In questo caso basterà applicare al legno un prodotto impregnante. Se invece vogliamo anche verniciarlo diversamente, basterà scegliere e applicare il colore utilizzando un pennello dalle setole morbide. Sarà comunque importante seguire le venature del legno quando si stendono i vari prodotti, in modo tale da ottenere un risultato omogeneo.

Verniciare senza sverniciare? Si può

Qualora volessimo cambiare l’aspetto di un mobile senza ricorrere alla fase della rimozione della vernice presente, dovremo scegliere i giusti prodotti. Ricorrere alla sverniciatura è sempre consigliabile, ma se si ritenesse superfluo questo passaggio, sarà necessario procurarsi un prodotto aggrappante.

Spalmandolo sul legno, ne renderà la superficie ruvida. A questo punto basterà applicare la nuova vernice. Attenzione però a scegliere una vernice molto coprente. Solo con i giusti prodotti si potrà ottenere infatti un buon risultato.

Domande Frequenti – Sverniciare un Mobile

Come verniciare un mobile senza sverniciare?

Qualora volessimo cambiare l’aspetto di un mobile senza ricorrere alla fase della rimozione della vernice presente, dovremo scegliere i giusti prodotti. Ricorrere alla sverniciatura è sempre consigliabile, ma se si ritenesse superfluo questo passaggio, sarà necessario procurarsi un prodotto aggrappante. Spalmandolo sul legno, ne renderà la superficie ruvida. A questo punto basterà applicare la nuova vernice. Attenzione però a scegliere una vernice molto coprente. Solo con i giusti prodotti si potrà ottenere infatti un buon risultato.