Piante da appartamento: le più facili da coltivare

Non esiste probabilmente alcun angolo della casa che non possa essere occupato e migliorato da una pianta. Non ci sono mobili che non risultino ravvivati dalla presenza di foglie o fiori. Che siano alte, basse, esotiche o in fiore, le piante aggiungono sempre un tocco di carattere ad ogni ambiente; una freschezza ed una bellezza gratificante anche a livello economico se si considerano le piante più facili da coltivare.

Non occorre avere una serra, un giardino o il pollice verde per poter apprezzare i benefici di un po’ di vegetazione nel nostro appartamento. Basta scegliere le piante che possiamo facilmente mantenere fresche ed in salute grazie a pochi accorgimenti.

Come arredare con le piante

In generale, le piante di piccole e medie dimensioni stanno meglio se raggruppate in quantità di almeno due o tre esemplari. Si può ottenere un buon effetto mettendo insieme piante di varie misure della stessa specie, preferendo anche lo stesso colore. Si può altresì abbinare una pianta più bassa e folta con una alta e sottile.

Le piante alte e gli alberi da interni riescono anche a fungere da discrete pareti divisorie, ad esempio, tra un ingresso ed un salotto, e possiamo spostarli comodamente se installiamo delle rotelle alla base dei vasi.

Alle finestre possiamo posizionare dei vasi per davanzali in cui avremo cura di far fiorire al meglio i semi che sceglieremo, ciò significa annaffiarli almeno una volta al giorno, rimuovere i fiori secchi o caduti e concimare il terreno di tanto in tanto nella stagione colturale. I migliori vasi sono realizzati in materiali leggeri come la vetroresina ed il legno.

Per quanto riguarda l’arredamento dei balconi, possiamo coltivare un piccolo orto fatto di erbe aromatiche che possono esserci utili in cucina, oppure occupare poco spazio abbellendo le ringhiere e la porta con piante rampicanti come il caprifoglio o l’edera.

Nel momento in cui ci si appresta ad addobbare i davanzali, si tenga presente la facciata dove verranno esposti i vasi: le linee semplici ed i colori neutri non stoneranno in nessun contesto ma anzi doneranno un senso di elegante omogeneità.

Il bagno sembra essere il luogo ideale per posizionare delle piante: dal punto di vista estetico arricchiscono l’aspetto spesso monocromatico di questa stanza, mentre la presenza continua di umidità e calore gioverebbe, ad esempio, all’edera o alla felce.

Le cucine sono spesso le stanze più illuminate e si può protendere in questo senso verso la scelta di piccole piante grasse come l’aloe o il cactus.

Perché non approfittare della temperatura leggermente più fresca della camera da letto per coltivare un Ficus Benjamina (Bengiamino) o un Gelsomino marzolino? Il Ficus è in particolare indicato per purificare l’aria degli ambienti in quanto assorbe la formaldeide prodotta dai mobili.

Nella sala da pranzo possiamo far crescere, lontano da fonti di luce diretta, la begonia mentre, al contrario, se preferiamo dei gerani, che in estate lasceremo fuori, avremo bisogno di lasciarli al sole per circa 6 ore al giorno.

Altre piante facili per la casa

Persino le stanze più buie possono godere della presenza di un punto verde poiché esiste un grande assortimento di bulbi che richiedono poche attenzioni. Oltre alle piante da appartamento precedentemente menzionate, vediamo quali altre possono fare al caso di chi ha poco tempo da dedicarvi.

L’Areca, ad esempio, è una piccola palma, ottima per disinquinare un ambiente, ed è molto comune ed economica. Non è adatta però per i piccoli spazi in quanto può raggiungere i due metri di altezza. Ha bisogno di molta luce ma in inverno non ha quasi bisogno di essere innaffiata.

L’Hoya, o fiore di cera, dal fiorame bianco o rosa pallido dalla consistenza cerosa, è una perenne rampicante da esporre molto al sole ma non necessita di potatura perché i nuovi steli sostituiscono da soli i vecchi.

L’Erba miseria è una pianta che si adatta a tutte le condizioni ambientali e cresce velocemente. L’unica manutenzione di cui non può prescindere è una potatura periodica degli steli. Va innaffiata de volte a settimana in estate, e solo una in inverno.

Non richiedono alcuna esposizione al sole né grande impegno poi il bambù della fortuna, la crassula ovata (che può anche essere piantata all’interno di barattoli decorativi di vetro) e la zamioculcas.