Pavimento in bamboo: pro e contro della scelta

pavimento in bamboo

I pavimenti in bamboo sono molto resistenti e durevoli, ma soprattutto molto belli da vedere. Prima di optare per una pavimentazione del genere in casa, occorre stabilire con attenzione il budget e valutare bene le caratteristiche della casa.

Vediamo dunque i pro e i contro del pavimento in bamboo e le sue caratteristiche.

Caratteristiche del pavimento in bamboo

Il bamboo non è una tipologia di legno, bensì una pianta che appartiene alla famiglia delle graminacee. Per quanto riguarda le caratteristiche del pavimento in bamboo, possiamo dire che è molto durevole nel tempo e resistente.

Inoltre, questo pavimento non risente dell’umidità, di conseguenza può essere installato tranquillamente in bagno. Dunque, se stavate pensando a un pavimento in bamboo in bagno, potete posarlo senza problemi.

Un’altra idea potrebbe essere quella di creare un ambiente open space con pavimento in bamboo chiaro. Va benissimo anche nelle cucine o in tutti quegli ambienti umidi, dato che il pavimento in bamboo è in grado di tollerare gli sbalzi di temperatura. I pavimenti in bamboo per esterno (giardini, cortili o bordi piscina) sono un’ottima soluzione, ma vanno trattati con prodotti appositi per gli insetti.

Un’altra caratteristica da non sottovalutare è l’alta resistenza al fuoco. Se ad esempio una sigaretta accesa cade sul vostro pavimento, non c’è pericolo che questo prenda fuoco o si possa macchiare.

Pro e contro del pavimento in bamboo

Per quanto riguarda i pro e i contro del pavimento in bamboo, partiamo dal concetto di resistenza. Questo tipo di pavimento è molto resistente, soprattutto ai graffi. Il bamboo è un legno molto duro, per questo motivo è l’ideale anche per l’esterno.

Un altro vantaggio è l’ecosostenibilità: una pianta di bamboo gigante impiega mediamente 2 mesi per raggiungere un’altezza di 20 metri. Questo significa che non ci saranno mai problemi di deforestazione causati dal bamboo.

Un altro pro da considerare è l’ampia gamma di pavimenti. Si può scegliere tra tantissime varianti di stile e di colore, a seconda dei propri gusti. Spesso i pavimenti in bamboo di colore scuro sono stati trattati termicamente.

Il pavimento in bamboo ha anche svantaggi. Se ad esempio amate il parquet, potreste non amare la dimensione di questa pavimentazione. Rispetto a un pavimento in laminato ad esempio è meno durevole.

Alcune tipologie di pavimento potrebbero essere sensibili ai graffi, in questo caso dunque sono necessari diversi ritocchi negli anni.

Attenzione anche alla qualità del pavimento in bamboo: un pavimento in bamboo di bassa qualità potrebbe essere dannoso per la salute umana, quindi è sempre meglio scegliere soluzioni certificate e spendere qualcosa in più.

Pavimenti in bamboo: prezzi e manutenzione

Il pavimento in bamboo necessita di manutenzione, affinché bellezza e resistenza siano sempre preservate nel tempo.

Dunque, come si pulisce il pavimento in bamboo?

Per prima cosa, utilizzare sempre l’aspirapolvere per eliminare polvere e sporcizia. Per quanto riguarda il lavaggio invece, va bene un panno inumidito con acqua, basta che sia ben strizzato. Per una pulizia ancora più profonda, si può utilizzare un comune detergente per parquet.

Utilizzate un panno in microfibra morbido, in modo da non graffiare la superficie. Evitare i detergenti generici per pavimenti e scegliere solo quelli specifici per parquet. In commercio si possono trovare anche dei panni per pavimenti in bamboo.

Per quanto riguarda invece i prezzi dei pavimenti in bamboo, questi dipendono dalla tipologia di legno e sono molto più bassi rispetto a tanti tipi di parquet. Si parte da un minimo di 25 euro al mq per un listone in massello, e si può arrivare a 40 euro al mq per un pavimento in bamboo spazzolato.