Pavimentazione esterna: quanto costa una gettata di cemento al mq

pavimentazione esterna

Se si sta considerando di voler ricoprire uno spazio esterno, come parte di un giardino o un passaggio carrabile, prima dobbiamo pensare lo scopo preciso per il quale ci occorra e di quali dimensioni stiamo parlando e quindi quali lavori possano essere necessari. Uno di questi riguarderà la pavimentazione con cemento e, conseguentemente, il suo costo, che varierà in base al suo spessore.

Spesso poi, per una migliore tenuta, è consigliato installare anche una rete elettrosaldata che porterà la spesa a salire. A queste va aggiunta poi l’eventuale manodopera, a meno che non si abbiano gli strumenti (come una betoniera) e la competenza per provvedere ai lavori da soli.

Non va dimenticato anche di far riferimento al piano regolatore territoriale e al regolamento condominiale per assicurarsi di poter avere tutte le autorizzazioni necessarie per il tipo di ristrutturazione che abbiamo intenzione di portare a compimento.

Tipologia ed uso del cemento

Il calcestruzzo, definito più semplicemente cemento, è composto da polvere di cemento, acqua e leganti, in quantità variabili a seconda del tipo di impiego e della finitura richiesta. Una volta mischiato con acqua, il cemento produce calore e si indurisce in poche ore, mentre è necessario molto più tempo, fino ad un mese, affinché faccia completamente presa, diventi cioè maturo.

La superficie del cemento grezzo è piuttosto rugosa, e comunque presenta l’impronta del materiale al quale ha aderito nel prendere forma. Si presenta in un colore grigio e screziato e può includere eventuali materiali. Per evitare che rilasci polveri, il cemento grezzo deve essere trattato con pitture o fissativi. In alternativa si possono impiegare materiali n grado di modificarne la superficie e il colore.

Il cemento è robusto e relativamente economico; è anche resistente al fuoco, all’umidità e ai parassiti e efficace nel trattenere il calore all’interno degli ambienti. La sua resistenza lo rende adatto a all’utilizzo in strutture leggere.

Grazie alla sua versatilità, è anche ideale per la realizzazione di superfici curve e di elementi d’arredo fissi dall’aspetto industriale. Il modo più semplice per utilizzare il cemento è quello di lasciarlo a vista, come per una trave o un pilastro.

I blocchi di cemento vengono poi impiegati per creare pareti perimetrali o partizioni interne che garantiscono un ottimo isolamento termico. I pannelli di questo materiale possono essere installati all’interno o all’esterno, lasciandoli allo stato naturale oppure levigati o tinti.

Uno degli impieghi più recenti del cemento è la costruzione di piani di lavoro per interni, che possono essere realizzati in opera o prefabbricati. Esso è solitamente composto da un pannello in fibrocemento rinforzato applicato su una base truciolare. I colori standard comprendono gradazioni di bianco, giallo, marrone e nero.

Se utilizzato per una pavimentazione interna o esterna, il cemento si presta perfettamente allo scopo data la sua alta resistenza all’abrasione. Dopo la presa, va trattato per essere reso impermeabile al grasso, alle macchie e all’acqua. Per ottenere una finitura più calda e piacevole al tatto è bene applicare vari strati di cera e poi lucidare.

Costo di una gettata al metro quadro

Oltre quanto precedentemente anticipato riguardo cosa conteggiare per avere un bilancio di quanto possono costare dei lavori di pavimentazione esterna, il primo passaggio da considerare è se è necessaria anche la demolizione del pavimento e del massetto ed il derivante smaltimento dei detriti accumulati. Se si tratta di uno spessore rientrante nei 10 cm, si può spendere in media intorno ai 20-25 Euro al metro cubo.

Per quanto riguarda l’eliminazione dei materiali di risulta vanno divisi per costi di cernita, insacchettamento e carico su mezzo di trasporto, che si attesta sui 40-50 Euro al mc, ed il trasporto effettivo dei materiali alle discariche pubbliche autorizzate di circa 150-250 € ogni 5 mc.

Successivamente a questa operazione, vanno messi in conto i procedimenti di gettata del cemento e della posa per i quali è possibile richiedere preventivi a più artigiani o imprese per avere una panoramica esaustiva di quali potrebbero essere gli oneri da doversi sobbarcare.

In generale, per un lavoro completo che comprenda sia lo scavo del terreno superficiale che l’installazione della rete elettro-saldata, i prezzi partono da 40 Euro al mq, mentre se occorre solo la gettata, escludendo anche i materiali, il costo è si aggira attorno ai 14 Euro per metro quadro.