Mutuo prima casa giovani: cos’è e come funziona

mutuo giovani

In tempi di instabilità economica data da lavori spesso precari, i giovani italiani si ritrovano a dover posticipare o addirittura rinunciare all’idea di possedere una casa propria. Fortunatamente esistono mutui bancari che, coadiuvati anche dallo Stato, agevolano i giovani adulti con offerte specifiche per permettere loro di uscire dal nucleo familiare e crearsi, se lo desiderano, una famiglia.

Con le molteplici opzioni disponibili attualmente sul mercato può risultare complicato valutare cosa occorre sapere prima di accendere un mutuo per la prima casa e quali requisiti occorrono per ottenerlo. Vediamo di fare un po’ di chiarezza.

Come funziona il mutuo Giovani

Inizialmente previsto dalla legge di stabilità per il 2014 n. 147/2013 e prorogato con decreto anche al 2020, il mutuo giovani rappresenta una forma di agevolazione garantita in parte dallo Stato. Il primo articolo della legge del 2013 stabilisce anche l’istituzione del cosiddetto Fondo di garanzia per la prima casa che concede garanzie su mutui ipotecari o su parte di essi.

Il Fondo assicura i finanziamenti riservati all’acquisto, alla ristrutturazione o all’accrescimento dell’efficienza energetica di immobili da destinare ad abitazione principale. Si ricordi che queste operazioni non possono essere compiute su immobili considerati di lusso (di categorie catastali A1, A8 e A9), mentre è obbligatorio che essi si trovino sul territorio nazionale. Inoltre, non può usufruire del mutuo agevolato chi è già proprietario di un’abitazione, a meno che questa non sia stata ereditata.

Bisogna anche considerare che la garanzia massima concessa dallo Stato tramite il Fondo per la prima casa non può superare l’80% della somma capitale richiesta alla banca e, comunque, non può eccedere i 250 Mila Euro.

Questo tipo di mutui non sono solo caratterizzati dall’aver diritto a tassi più bassi, ma anche a diminuzioni sull’Irpef: nello specifico ad imposta di registro al 2%, IVA al 2%, IVA al 4% e imposta di € 200 fissa ipotecaria e catastale.

Chi può chiedere il mutuo

Oltre a quanto precedentemente indicato, il Fondo legifera anche sui soggetti che possono accedere ad esso e la caratteristiche che devono avere, ovvero:

  • le giovani coppie, sia sposate che conviventi, purché costituite almeno da due anni e in cui almeno uno dei due abbia meno di 35 anni al momento della richiesta di finanziamento;
  • nuclei familiari monogenitoriale con figli minori. Il genitore può in questo caso essere sia separato che non coniugato e deve convivere con un figlio minorenne;
  • persone di meno di 35 anni con contratti atipici, cioè con un contratto diverso da quello del lavoro a tempo indeterminato o da quello autonomo tradizionale. In dettaglio: chiunque abbia un contratto a tempo determinato, a prestazione occasionale, a progetto o a chiamata;
  • affittuari di alloggi di proprietà degli istituti autonomi per le case popolari.

Come scegliere il migliore mutuo giovani

Come per quanto riguarda la scelta di conti correnti o altri prodotti bancari, però, anche per facilitare la scelta del mutuo più adatto al nostro caso, su molti siti finanziari vengono messi a disposizione dei comodi simulatori di calcolo che permettono di preventivare quale sia il mutuo più adatto a noi. Basterà inserire i dati relativi al tipo di tasso, al valore dell’immobile, ad età e reddito dell’acquirente e in pochi minuti si avrà accesso ad una vetrina di tutte le possibilità che riguardano la nostra casistica.

Dopo aver deciso un istituto a cui affidarsi, ed una volta scaricata la documentazione dal sito del Ministero dell’Economia, si può procedere ad inoltrare l’apposita domanda per accedere al finanziamento. Essa dovrà essere quindi inviata direttamente alla banca o all’intermediario finanziario che ci ha seguiti. La banca dovrà poi, entro 90 giorni, confermare o negare la richiesta.

Domande Frequenti – Mutuo Giovani

Come ottenere un mutuo per giovani?

Dopo aver deciso un istituto a cui affidarsi, ed una volta scaricata la documentazione dal sito del Ministero dell’Economia, si può procedere ad inoltrare l’apposita domanda per accedere al finanziamento. Essa dovrà essere quindi inviata direttamente alla banca o all’intermediario finanziario che ci ha seguiti. La banca dovrà poi, entro 90 giorni, confermare o negare la richiesta.

Come funziona il mutuo giovani?

Il mutuo giovani rappresenta una forma di agevolazione garantita in parte dallo Stato. Il Fondo assicura i finanziamenti riservati all’acquisto, alla ristrutturazione o all’accrescimento dell’efficienza energetica di immobili da destinare ad abitazione principale. Si ricordi che queste operazioni non possono essere compiute su immobili considerati di lusso (di categorie catastali A1, A8 e A9), mentre è obbligatorio che essi si trovino sul territorio nazionale. Inoltre, non può usufruire del mutuo agevolato chi è già proprietario di un’abitazione, a meno che questa non sia stata ereditata.