Milano prima in Europa per investimenti immobiliari

Il Rapporto 2019 sul mercato immobiliare di Milano – realizzato da Scenari Immobiliari in collaborazione con Risanamento – ha per titolo  “A star is born – Milano guarda oltre: ambizioni di una città”. La prima notizia? Il capoluogo lombardo non viene fuori solo come  capitale degli investimenti immobiliari in Italia ma anche come regina delle metropoli europee.

Milano, un polo attrattivo per gli investimenti sul mattone

Il report di Scenari Immobiliari racconta che a Milano si concentra ormai più del 40% di tutte le operazioni di investimento immobiliare effettuate in Italia. E questo in un contesto nazionale in cui gli investimenti sul settore si sono ridotti del 20%, passando da 9,7 a 7,8 miliardi di euro. Ma è sugli investimenti previsti che Milano batte tutti, anche in Europa. Con 13,1 miliardi di euro, si piazza infatti davanti ai 10,8 miliardi di euro di Monaco, ai 10,2 miliardi di euro di Amsterdam, e ancora ai 9,5 di Stoccolma, ai 9,1 di Dublino o agli 8,7 di Madrid. Non solo, il capoluogo lombardo è al primo posto tra le capitali europee anche per quanto concerne la capacità di attrarre investimenti immobiliari dall’estero, con una quota del 48% degli impieghi che proviene da gruppi internazionali, contro il 40% di Monaco e Barcellona, il 30% di Madrid, il 27% di Amsterdam, il 20% di Bruxelles e di Vienna.

Cosa accadrà nei prossimi anni

Per i prossimi anni – afferma ancora l’analisi di Scenari Immobiliari – a Milano sono previsti interventi di trasformazione urbana / edilizia che interesseranno circa 12,5 milioni di metri quadri, generando una superficie sviluppata di 6,3 milioni di metri quadri, concentrata prevalentemente nel settore residenziale (2,7 milioni), terziario (1,3 milioni), commerciale (1 milione) e funzioni pubbliche di interesse sociale – collettivo (650 mila). Tale flusso determinerà un impatto sul mercato immobiliare pari a più di 21 miliardi di euro, il 60% dei quali concentrati nel comparto residenziale.Da notare poi che degli investimenti previsti, circa 5,8 milioni di metri quadri andranno a interessare le aree semicentrali, periferiche e perirubane dell’area milanese, con un peso sull’intero territorio del 92% e un valore di mercato potenziale, al termine dello sviluppo, pari a circa 18 miliardi di euro.

Grandi investimenti, grandi opportunità

I numeri sono spaziali e lasciano intendere che nei prossimi anni Milano potrà dotarsi di un patrimonio di iniziative di sviluppo urbano tra i più interessanti al mondo. E occhio, questa volta gli obiettivi di rivalutazione sembrano concentrati principalmente nelle zone meno centrali.È proprio lì che si trovano le migliori opportunità di sviluppo urbano. È in quelle aree che prenderanno vita le nuove visioni della città.

Vota l’articolo:

0 / 5 (0 votes)

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

LASCIA UN COMMENTO