Mercato immobiliare, nuovo rialzo delle compravendite abitative

Negli scorsi giorni l’OMI (Osservatorio del Mercato Immobiliare) ha pubblicato le ultime statistiche trimestrali sul mercato residenziale italiano. Nel corso del IV trimestre 2018 il tasso di crescita tendenziale delle transazioni  è cresciuto del 9,3%. È il livello più alto degli ultimi due anni.

Se guardiamo ai singoli territori la dinamica di crescita più rilevante è stata quella del Nord Est, con un +12,5% simile alla progressione del trimestre precedente. Per quanto attiene le classi dimensionali invece, a spingere sono le abitazioni più piccole (sotto i 50 mq). Nell’ambito delle grandi città le migliori prestazioni sono state registrate da Bologna e Palermo.

 

Nord Est e Centro le aree con il maggior tasso di crescita

Approfondendo i dati territoriali si nota che il Nord Est – con il suo incremento delle compravendite al 12,5% su base annua – il mercato residenziale italiano conta un totale di 33.638 operazioni e una superficie compravenduta di 3,8 milioni di metri quadri. La superficie media delle abitazioni oggetto di vendita è stata pari a 113,8 metri quadri. Simile è la progressione riscontrata nel Centro Italia: qui lo sviluppo è stato del 12,4%, per un totale di 34.530 unità, e superficie complessiva compravenduta per 3,6 milioni di metri quadri (superficie media di 105,1 metri quadri).

Più modesto è l’incremento rilevato nel Sud (+ 4,3%), comunque in accelerazione rispetto al trimestre precedente (+ 3%), mentre è il Nord Ovest (+ 8,0%) l’area territoriale con il maggior numero di compravendite in termini assoluti, pari a 57.667 unità.

 

La situazione nelle grandi città

In 8 grandi città italiane (Roma, Milano, Torino, Napoli, Genova, Palermo, Bologna, Firenze), l’incremento delle compravendite è stato complessivamente pari al 9,7% su base annua. Dentro questo recinto territoriale, la migliore prestazione è ancora una volta quella di Bologna, che dopo il + 23,5% del III trimestre 2018, ha visto il suo mercato residenziale crescere del 20,9% nell’ultimo quarto di anno.

Prestazioni oltre la media anche per Palermo (+ 18,5%) e Roma (+ 10,9%), mentre chiude il trimestre in linea con la media Milano (+ 9,5%). Il trend più tenue è invece stato quello di Torino e Firenze, entrambe con un + 4,8%.

 

Cresce l’appeal delle case più piccole

Contrariamente a quanto rilevavano le ultime statistiche OMI, nell’ultimo quarto del 2018 è cresciuto maggiormente l’appeal delle case più piccole, quelle con una superficie fino a 50 metri quadri.  Il numero delle transazioni riguardanti questo tipo di abitazioni è infatti salito del 10,8%, oltre la media nazionale. Il numero delle operazioni di compravendita delle abitazioni più grandi, oltre i 145 metri quadri, è invece cresciuto del 9,0%. In tale ambito, le abitazioni di più piccole dimensioni hanno esercitato un’attrazione crescente soprattutto nelle Isole e nel Nord del Paese, mentre al Centro e al Sud ha prevalso la richiesta di abitazioni di dimensioni superiori  ai 115 metri quadriInfine va rilevato che nel periodo oggetto di valutazione la quota di agenzie immobiliari che ha dichiarato di aver venduto almeno un’abitazione è scesa dall’ 80,2% della precedente rilevazione all’odierno 77,9%. Mentre le aspettative degli agenti sul proprio mercato di riferimento sono rimaste stazionarie.

Vota l’articolo:

0 / 5 (0 votes)

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

LASCIA UN COMMENTO