Mercato immobiliare, dove la crisi non c’è mai stata

Indice articolo
Crisi del mercato immobiliare?
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La “crisi del mercato immobiliare”. Quante volte abbiamo sentito questa espressione? Beh, c’è una regione d’Italia in cui queste parole sono state pronunciate decisamente un po’ meno. Parliamo della Sardegna. In particolare, come racconta anche il Sole 24 Ore, alcune zone costiere della Sardegna del nord hanno continuato a trainare il settore con transazioni aumentate anche di oltre il 10%.

L’operatore anglosassone Christie’s Real Estate riporta fra le vendite top una villa con accesso al mare e caletta privata per 55 milioni di dollari. In Costa Smeralda il 60% degli acquirenti sono stranieri ed è in aumento – ma in fondo c’era da aspettarselo – la percentuale di acquirenti di provenienza asiatica.

Arzachena si conferma leader per quanto concerne gli immobili di lusso. Delle 33 ville in tutta la Costa Smeralda il cui prezzo supera i due milioni di euro, 12 si trovano proprio lì. Le ville che affacciano sul mare hanno un costo medio di tre milioni di euro, spostandosi più all’interno i valori chiaramente diminuiscono. Accanto alle proprietà affacciate sulle marine, vi sono le tenute di altissimo livello che costituiscono una nicchia nella nicchia di mercato. Sono proprietà uniche, dal valore di decine di milioni di euro che anche durante il periodo più buio della crisi non hanno registrato eccessive riduzioni di valore. Questi immobili, ville con dépendance e ormeggi privati movimentano il mercato con sole 4 o 5 compravendite in un anno.

A Sud della regione crescono le vendite nella zona di Chia e anche a Pula il mercato registra una ripresa sensibile delle compravendite. Aumentano infine le richieste di appartamenti da utilizzare come B&B o case vacanza. Le cifre investite non sono mai inferiori a 150 mila euro e i rendimenti medi sono compresi tra gli 80 e i 150 euro al giorno durante l’alta stagione che va da maggio a settembre.