Materiali edili ecologici: quali sono i migliori 

bioedilizia materiali

La bioedilizia negli ultimi anni ha fatto notevoli passi avanti, e l’ultima frontiera è quella dei materiali ecologici per costruire case e arredarle.

L’architettura e il design hanno subito una vera e propria rivoluzione, utilizzando le materie prime naturali al 100% per realizzare case ecologiche. Tra i materiali a basso impatto ambientale troviamo il sughero, il vetro e il legno, ma l’innovazione degli ultimi anni ha scoperto tantissime altre soluzioni per progettare gli spazi domestici secondo una filosofia molto più green.

Ma prima di analizzare singolarmente i materiali ecologici più innovativi, partiamo dalla definizione stessa di materiale ecocompatibile. Quando una materia prima destinata all’edilizia è ricavata in modo naturale e non genera sostanze inquinanti, si può definire ecologica.

I materiali ecologici da costruzione hanno un basso impatto sull’ambiente e sull’uomo, e rispettano tutti i requisiti relativi a sicurezza, igiene, comfort e aspetto.

Materiali ecologici per edilizia: quali sono i più innovativi?

Tra i materiali ecologici edili ve ne sono alcuni particolarmente all’avanguardia. Ecco una lista dei materiali ecologici innovativi più utilizzati nell’edilizia:

  • Biomattoni: si tratta di particolari mattoni realizzati con un insieme di materiali riciclati con l’aiuto dell’azione dei batteri. In sintesi, è un mattone ecologico che ha le stesse caratteristiche del classico mattone ma con un costo inferiore e una produzione che richiede meno tempo. Resiste anche al fuoco e al gelo,
  • Lana di pecora: un materiale ecosostenibile e riciclabile con cui si realizzano rotoli o pannelli per l’isolamento termico. Sono capaci di filtrare polveri e batteri,
  • Pietra riciclata: si tratta di una pietra riciclabile realizzata con un mix di scarti di sacchetti per alimenti, pietra calcarea e bottiglie di plastica. Dura all’incirca 50 anni,
  • Micelio di funghi: materiale organico, compostabile al 100%, e ignifugo, ottenuto dai funghi che si adatta ad ogni forma in cui viene coltivato. E’ in grado di sostituire le schiume artificiali usate nell’isolamento termico,
  • Terracotta: si tratta di un materiale naturale, duttile, facile da modellare; molto stabile e per questo usato nelle costruzioni fin dall’antichità.
  • Fibra di vetro: un materiale ottenuto da una miscela di sabbia, allumina e calcare, duttile e resistente. Viene usato per migliorare l’isolamento termico e acustico nelle case,
  • Fibra di cellulosa: si ottiene dagli scarti di produzione della carta. Nell’edilizia viene usato come isolante e come riempimento.
  • Paglia: con la paglia essiccata si realizzano pannelli prefabbricati composti modulari che vengono utilizzati per costruire pareti e soffitti, architravi e davanzali.
  • Colori minerali: tra questi materiali ecologici troviamo le vernici naturali che impediscono la formazione di muffe e batteri. Sono naturali e privi di sostanze tossiche.

Materiali isolanti ecologici: ecco quali sono

Il comfort e l’isolamento termico sono tra gli aspetti più rilevanti nella progettazione di una casa. I materiali isolanti hanno proprio questa funzione, mantenere la casa calda e accogliente quando le temperature si abbassano.

Ma è davvero possibile isolare termicamente e acusticamente una casa senza ricorrere a materiali che inquinano? La bioedilizia negli ultimi anni ha fatto notevoli progressi ricorrendo ai materiali isolanti ecologici, realizzati con fibre riciclabili e biodegradabili e senza l’utilizzo di alcun prodotto chimico.

Tra quelli più utilizzati troviamo il legno, la canapa e la fibra di cellulosa. Queste materie prime hanno in comune una grande capacità di traspirabilità e un’ottima lavorabilità.

La fibra di legno naturale è tra i materiali edili ecologici più utilizzata e garantisce un ottimo isolamento termico. Questo perché il legno ha tra le sue proprietà quella di non far disperdere il calore nell’ambiente. Questo materiale è utilizzato moltissimo nel campo edile per diversi usi e proviene direttamente dagli scarti del legname non trattato.

Oggi troviamo in commercio diversi materiali per costruire case ecologiche, l’ideale è rivolgersi a delle figure esperte per valutare come procedere in base al livello di isolamento termico e acustico desiderato.