Manovra di bilancio 2019, le misure sulla fiscalità immobiliare

Indice articolo
La manovra di Bilancio apporta qualche novità alla fiscalità immobiliare
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Tra (tante) conferme e (poche) novità, la manovra di bilancio 2019 ha impattato sulla fiscalità immobiliare su diverse vie, ribadendo la proroga dei termini delle principali agevolazioni, e introducendo alcune variazioni al quadro normativo.

Le proroghe della legge di Bilancio

In sintesi, la nuova legge di bilancio ha prorogato i:

  • Bonus ristrutturazioni, con detrazione fiscale Irpef del 50% per le spese sostenute per interventi di restauro, manutenzione, messa in sicurezza dell’immobile, su tetto di spesa di 96 mila euro;
  • Bonus mobili ed elettrodomestici di classe A o A+, con detrazione fiscale Irpef del 50% per un importo massimo di 10 mila euro;
  • SismaBonus, con detrazione Irpef pari al 70% delle spese sostenute per ridurre di una classe di rischio sismico gli edifici nelle zone ad alta pericolosità (1 e 2), all’80% nel caso di riduzione di due classi di rischio sismico;
  • Bonus verde, con detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per gli interventi di cura, di ristrutturazione e di irrigazione del verde privato;
  • Bonus risparmio energetico, con detrazione Irpef pari al 50% sulle spese effettuate per gli interventi di efficientamento energetico, con tetto massimo di spesa di 100 mila euro; la detrazione sale però al 65% in occasione di alcuni particolari, come l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, o ancora l’acquisto e la posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Cedolare secca immobili commerciali

A tali conferme, trova poi applicazione la nuova cedolare secca per le locazioni ad uso commerciale.

Per poter usufruire di questa tassazione tendenzialmente più conveniente di quella ordinaria, è necessario che i contratti per i locali commerciali siano stipulati nel 2019, non siano stati stipulati in sostituzione di contratti che risultavano in essere al 15 ottobre 2018 e che siano stati portati a cessazione anticipata, e che gli immobili siano classificati nella categoria catastale C/1 (negozi e laboratori artigiani), con superficie fino a 600 metri quadri, al netto delle pertinenze.