Letto a soppalco: la soluzione salvaspazio per eccellenza

letto a soppalco fai da te

Un tempo il letto a soppalco era per lo più considerato come un mobile da utilizzare nella camera dei ragazzi. Oggi il suo uso fa sempre più spesso capolino nell’arredamento dei monolocali o case piccole.

Soprattutto in città dove gli affitti risultano proibitivi ed ogni metro quadro va ben occupato, il letto sopra elevato può rivelarsi la migliore soluzione salva-spazio poiché si presta a molti adattamenti.

Letto a soppalco o a castello?

Mentre il letto a castello presenta un letto in basso ed uno al di sopra di una struttura, con la sistemazione a soppalco si riesce a sfruttare la parte inferiore per vari usi, come con una cabina armadio, un salotto o una zona studio con scrivania e sedia. La prima cosa da fare allora è considerare l’uso che se ne vuole fare.

Da sempre, nel caso si abbiano più figli in età scolare (o prima) e poco spazio, un letto a castello è ovviamente la scelta migliore. In questo caso, lo si può pensare come un investimento a lungo termine per una famiglia allargata o se pensi che un figlio voglia ospitare un amico a dormire.

Il tipo a soppalco è una buona opzione se vuoi creare una camera da letto più funzionale sia per un bambino che per un adulto perché si può usare lo spazio sottostante sia come area giochi o per fare i compiti oppure, quando diventa più grande, aggiungere una scrivania più grande dove poter usare il  computer, o altrimenti poter sistemare un’area dove organizzare oggetti vari in scatole o un guardaroba per i vestiti.

L’età della persona che vi dormirà allora rappresenta un fattore discriminante importante in fase di scelta del tipo di letto a soppalco o a castello di cui si necessita.

Che colore di letto a soppalco scegliere?

Nel caso si voglia acquistare un letto a soppalco per la cameretta dei ragazzi, si dovrebbe tenere conto del colore che potrebbe piacere ai vostri figli.

Ad esempio, i colori chiari sono ottimi per i letti per ragazze poiché si abbinano bene con sfondi viola o rosa. I letti delle ragazze tendono a privilegiare colori più brillanti rispetto a quelli dei ragazzi, quindi è bene cercare di abbinarli anche con il resto del design, con le pareti ed i pavimenti della stanza. Un buon esempio potrebbe essere un letto con lenzuola rosa acceso su struttura del letto e mura bianche.

Anche per gli adulti, in generale, oltre alla regola del gusto personale, vale quella di adoperare colori neutri per un effetto più naturale, oppure più decisi (come il nero o il grigio scuro) per un look industrial o contemporaneo.

Caratteristiche del letto a soppalco: misure, materiali e prezzi

Per quanto riguarda le dimensioni standard, posto che la stanza debba essere alta almeno 2.70 m (da terra al soffitto), possiamo trovare sia letti a soppalco singoli che matrimoniali: i primi misurano circa 90×200 cm, mentre il matrimoniale si aggira intorno ai 140×200 cm, ma possono sempre essere realizzati su misura a seconda delle nostre esigenze.

I materiali più comuni in cui possono essere costruiti i letti a soppalco sono il legno ed il metallo. Tra i tipi di legno più usati c’è il pino, il faggio o la fibra di legno e truciolare per i modelli più economici.

Prima di considerare l’acquisto un letto a soppalco nuovo, vi consigliamo di controllare gli annunci di letti usati in zona: spesso, infatti, si possono trovare delle ottime occasioni di intere strutture a cui vengono aggiunti anche mobili che solitamente vengono venduti separatamente, come armadi o sedie con scrivanie.

I costi, anche per letti completi di struttura e scala, variano da poco più di 100 Euro per la struttura in legno o metallo con scala a pioli, fino a ben 2.000 Euro per la sua versione realizzata da mobilifici, magari con gradini o cassettoni a sostituire la scaletta.