Le migliori piante assorbi radiazioni: quali sono e come agiscono

pianta assorbi radiazioni

Se le piante da sempre donano alla nostra casa un aspetto migliore, avreste mai pensato che possano anche aiutarci a combattere le invisibili radiazioni provenienti dai nostri gadget tecnologici? Tutte le stanze sono ormai popolate da tecnologia più o meno smart che, se da un lato ci semplifica la vita, dall’altro emette delle radiazioni a noi nocive senza che ne siamo completamente consapevoli.

È un fatto risaputo che, ad esempio, la luce emessa dal nostro cellulare, oltre a danneggiare la vista, provoca dei disturbi tali da influire negativamente sul nostro riposo notturno.

Nella nostra casa salubre ideale allora, oltre alle proprietà purificanti di alcune piante per l’aria che respiriamo, possiamo considerare anche quelle che assorbono le radiazioni.

Come funzionano le piante assorbi radiazioni

Molte piante antiradiazioni da interni offrono davvero un grande vantaggio per l’uomo in quanto aiutano a purificare l’indice di qualità dell’aria (l’IQA è un indicatore che stima sinteticamente lo stato dell’aria) all’interno di una stanza chiusa assorbendo la radiazione elettromagnetica dai nostri amati computer e smartphone.

Le piante di questo tipo sono di frequente grasse e agiscono depurando l’aria, rafforzando il nostro sistema immunitario e persino velocizzando il nostro metabolismo. Esse assorbono tutta l’anidride carbonica presente nella stanza e poi la convertendo in ossigeno che ci permette di respirare meglio. Tenere in giro per casa queste piante, può aiutarci a essere più energici, abbassare i livelli di stress e ridurre la frequenza dei mal di testa che spesso dipendono dalle radiazioni.

Quali piante scegliere per migliorare l’ambiente

Per creare un ambiente privo di radiazioni e regalare alla nostra famiglia un’aria pura da respirare senza tossine o particelle nocive esistono varie piante a cui possiamo affidarci. Scopriamone alcune.

Tillanza

Una pianta molto particolare, oltre che utile, è la tillandsia (tillanza): la sua unicità risiede nel fatto che, grazie alle caratteristiche peculiari delle foglie, non ha bisogno di terreno per sopravvivere. Il fogliame è infatti direttamente responsabile del nutrimento catturando l’umidità, mentre le radici, se presenti, svolgono più una funzione di ancoraggio. Inoltre, la tillandsia è sì in grado di liberarci dalle radiazioni, ma anche dallo smog, e tutto questo senza bisogno di ricevere molte attenzioni.

Cactus

In un elenco che ha considerato la misurazione dei campi elettromagnetici EMF delle migliori piante in grado di assorbire le radiazioni, il cactus è emerso come una delle più performanti. Di solito, affinché le piante siano efficaci nell’assorbimento, devono essere fisicamente posizionate tra il soggetto e il dispositivo che emette radiazioni, ma questo non vale per il cactus.

La sua efficacia gli permette infatti non si estende alla sola camera in cui viene messo, ma riesce persino ad assorbire le radiazioni dalle torri cellulari vicine. Se state pensando di investire in una sola pianta, assicuratevi che sia un cactus quello che sceglierete.

Sansevieria

Un’altra grande opzione per l’assorbimento delle radiazioni è la pianta del serpente, o sansevieria. Questa pianta è nota per essere molto indicata nel convertire l’anidride carbonica in ossigeno. L’aspetto allungato e sottile delle foglie la rende una pianta molto gradevole da aggiungere all’arredamento di una stanza, ed è anche molto versatile perché puoi essere piantata in vari tipi di vasi.

A questi vantaggi, si può aggiungere che non richiede molta manutenzione né irrigazione, il che non guasta mai. Va ricordato comunque che la pianta del serpente non va esposta alla luce diretta del sole. Per ottenere i massimi risultati in termini di assorbimento delle radiazioni ed estetici, possiamo allora posizionarla ad esempio davanti al modem Wi-Fi in modo da nasconderlo con discrezione.

Aloe Vera

Un altro tipo di pianta succulenta antiradiazioni è l’Aloe vera. Storicamente conosciuta per i suoi apporti curativi e medicinali, può essere usata sulla pelle e sui capelli per migliorarne la salute. Ora si sa che è altrettanto valida contro le radiazioni, ed anche ad un alto livello.

Per quanto riguarda la sua cura, anche l’Aloe non deve venire a diretto contatto con la luce solare altrimenti potrebbe appassire o morire. É infine importante assicurarsi che riceva un drenaggio adeguato, poiché troppa acqua può danneggiare la pianta.

Domande Frequenti – Piante Assorbi Radiazioni

Come funzionano le piante assorbi radiazioni?

Le piante assorbi radiazioni assorbono tutta l’anidride carbonica presente nella stanza e poi la convertendo in ossigeno che ci permette di respirare meglio. Tenere in giro per casa queste piante, può aiutarci a essere più energici, abbassare i livelli di stress e ridurre la frequenza dei mal di testa che spesso dipendono dalle radiazioni.