Com’è fatta la casa più piccola del mondo?

Mobili e arredamento devono essere scelti in funzione degli spazi, ma una volta che tutto è organizzato anche le case piccole possono avere grande fascino…

 

Quando si parla di abitazioni e si pensa alle case nelle quali si vorrebbe vivere ci vengono in mente residenze da favola caratterizzate da un innumerevole numero di camere da letto, bagni e altre stanze, distese infinite di giardini e tanto lusso, come piscine, SPA e campi da gioco.

Spesso, quindi, vengono trascurate le case di dimensioni ridotte e quelle molto piccole. A dispetto di quello che si potrebbe pensare, però, molte di queste abitazioni non hanno niente da invidiare alle altre. Infatti, anche alle case piccole non manca assolutamente niente a livello di optional, tant’è che in alcuni casi si meriterebbero sicuramente un posto all’interno della classifica delle case più belle del mondo.

Queste case, definite anche micro case o tiny house, possono essere realizzate in diversi materiali e in differenti forme, ma sono tutte accumunate da un elemento, ovvero una metratura molto inferiore al consueto, ad esempio la casa più piccola del mondo misura soltanto 7 metri quadrati.

Queste dimore, oltre ad avere fascino, sono anche economiche perché permettono di risparmiare sui costi di acquisto o di affitto, sulle spese quotidiane e di manutenzione, oltre che sui tempi di pulizia, dal momento che l’area nella quale muoversi è piuttosto ristretta.

Case piccole e dove trovarle

Le case piccole si possono vedere in molti paesi, ma dov’è la casa più piccola del mondo? In Italia! In realtà le abitazioni in questione sono due e si trovano a Milano e a Roma. Entrambe hanno una superficie pari a 7 mq e, quindi, entrambe sono state ricavate da spazi piccolissimi, ma grazie a meticolosi lavori di ristrutturazione sono state accuratamente rifinite e arredate.

Quella che è stata definita per prima la casa più piccola del mondo è quella di Roma. L’appartamento, che oggi fa parte di una struttura alberghiera ed è destinato alle vacanze, nel corso del tempo ha ricoperto molte funzioni diverse: infatti, è stato un’officina di moto, una carrozzeria e anche un’edicola.

La casa piccola di Milano, invece, è stata ricava da uno spazio disabitato, ubicato al quarto e ultimo piano all’interno di uno stabile signorile nei pressi dell’Università Bocconi, ed è stato destinato all’acquisto da parte di studenti e lavoratori che si trovano nel capoluogo lombardo.

A Milano si trova una delle case più piccole al mondo

 

Come arredare una casa piccola

La casa di Roma è posta nel cuore della Città Eterna, a due passi dal Pantheon, da Castel Sant’Angelo e dalla Basilica di San Pietro, è stata ristrutturata con materiali di pregio, con mattoni a vista e soffitto in legno, è lunga soltanto 4 metri, ma è dotata di tutti gli elementi essenziali.

Al piano terra si trovano la cucina e un bagno, mentre la zona notte è posta su un soppalco ed è accessibile da una scala, che funge anche da seduta per il piccolo tavolo posto all’ingresso dell’appartamento. Ovviamente in uno spazio così ristretto, è stato fondamentale organizzare tutti gli elementi in modo che potessero essere tirati fuori nel momento del bisogno o comunque in modo da non essere di intralcio: infatti, il tavolo è pieghevole e può scomparire sulla parete, il letto si può ritrarre così da creare un divano e dare spazio a un piccolo salotto, mentre i comodini sono stati ricavati da piccole nicchie nel muro.

Nella casa ogni centimetro è stato sfruttato al massimo: i mobili a parete permettono di avere molto spazio a disposizione per lo stoccaggio di tutti gli elementi utili per la vita quotidiana, inoltre nel sottoscala è stato ricavato spazio per il boiler, una piccola lavatrice e l’impianto di areazione, e un gancio con una carrucola permette di appendere le valigie al soffitto.

A Roma si trova una delle case più piccole al mondo

 

Vivere in una casa piccola a Milano

Milano, si sa, è una città in continuo fermento la cui popolazione aumenta di giorno in giorno. Devono aver pensato a questo concetto gli architetti che hanno creato nel capoluogo lombardo la seconda casa più piccola del mondo. Infatti, ogni spazio per quanto ristretto, può essere trasformato, organizzato e riprogettato per diventare una vera e propria abitazione: la ristrutturazione si è ispirata agli yacht, a bordo dei quali ogni centimetro di spazio deve essere necessariamente sfruttato al massimo.

Vivere in una casa piccola, però, non significa rinunciare al lusso. Questo appartamento è tanto funzionale e pratico, quanto elegante e accessoriato. Nella casa più piccola del mondo non manca niente: parquet in rovere sbiancato, bagno in marmo azzurro, doccia, rubinetterie di design, lavatrice, aria condizionata, porta blindata, riscaldamento autonomo, cucina, soggiorno/zona notte e molti mobili per rendere confortevole ed efficiente anche una vita in formato mignon.

I sistemi ingegnosi che sono stati messi in atto per la creazione di queste case hanno portato a risultati che vanno al di là di ogni aspettativa. Ma se le case piccole non fanno per te, potrai sempre scegliere tra gli attici in vendita quello più spazioso e grande.

Vota l’articolo:

5 / 5 (2 votes)

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

LASCIA UN COMMENTO