Installare la cucina in veranda: tutto quello che devi sapere

installare la cucina in veranda

Installare una cucina in veranda potrebbe essere una soluzione perfetta per sfruttare nel miglior modo possibile gli spazi della propria abitazione. Una scelta di questo genere sarebbe in grado di regalare una stanza in più alla nostra casa, integrando armoniosamente gli ambienti interni a quelli esterni. Una cucina posizionata in una veranda avrebbe infatti la possibilità di usufruire al meglio la luce naturale, senza perdere nessuno dei suoi requisiti fondamentali.

Sono diversi i motivi per cui si potrebbe scegliere di adibire una veranda a cucina. Ad esempio la scelta potrebbe essere dovuta alla necessità di recuperare una stanza in più all’interno della propria abitazione. Oppure si potrebbe optare per una soluzione del genere per ricavare un angolo cottura “jolly” da utilizzare in determinate occasioni. Scopriamo alcune idee che potrebbero fare al caso nostro qualora stessimo pensando di realizzare una cucina in veranda.

È sempre possibile realizzare una cucina in veranda?

Se stiamo pensando di sfruttare lo spazio della veranda per posizionare lì la nostra cucina, dobbiamo prima accertarci che ciò sia possibile. Infatti potrebbero esistere degli impedimenti dal punto di vista burocratico. Rendere la propria veranda una cucina, e dunque una stanza abitabile, comporterebbe infatti l’utilizzo di cubatura.

Perciò innanzitutto si dovrebbe essere certi di avere a disposizione la necessaria cubatura per realizzare l’opera. Se così non fosse, non bisogna perdere completamente le speranze. Esistono infatti dei regolamenti regionali, o talvolta comunali, che potrebbero risolvere il problema. Ogni singolo caso dovrebbe dunque essere valutato attentamente.

Arredare la cucina in veranda: idee

Come abbiamo anticipato, sono diverse le motivazioni che potrebbero spingerci a realizzare la cucina in una veranda. Si potrebbe scegliere infatti di aumentare lo spazio abitabile dell’abitazione, oppure di ricavare una seconda cucina di servizio. Le soluzioni a disposizione sono i ogni caso molteplici e spesso i risultati potrebbero essere sorprendenti. Infatti, quella che potrebbe apparire come una scelta “riparatoria” potrebbe in realtà rappresentare un punto di forza per la nostra abitazione.

Per rendere il nostro progetto centrato e vincente dovremmo fare innanzitutto attenzione ad integrare al meglio la cucina esterna all’interno della casa. Giocando con l’armonia, o con i giusti contrasti, dovremmo infatti realizzare una cucina in linea con l’arredamento degli altri ambienti. Che si tratti di uno stile classico, moderno o rustico, la parola d’ordine da tenere in considerazione sarà sempre la stessa: coerenza.

Inoltre dovremmo senza dubbio sfruttare il maggiore vantaggio di cui una cucina di questo genere possa usufruire, ovvero la luce naturale. Essendo la veranda uno spazio all’aperto, si presume infatti che sia un ambiente molto illuminato. Per mantenere questa particolarità si potrebbe dunque ricorrere a delle ampie vetrate attraverso cui far filtrare la luce solare.

Qualora lo spazio a disposizione fosse molto ampio, si potrebbe pensare di arricchire la cucina con un angolo relax, fornito di divani e televisore. Così facendo la nostra terrazza potrebbe assolvere alla doppia funzione di cucina e soggiorno.

Se poi la veranda a nostra disposizione fosse comunicante con un giardino, potremmo adibire anche un tavolo all’esterno in vista della bella stagione. In questo caso non dovremmo farci mancare assolutamente un barbecue.

Domande Frequenti – Cucina in Veranda

È sempre possibile realizzare una cucina in veranda?

Potrebbero esistere degli impedimenti dal punto di vista burocratico. Rendere la propria veranda una cucina, e dunque una stanza abitabile, comporterebbe infatti l’utilizzo di cubatura. Perciò innanzitutto si dovrebbe essere certi di avere a disposizione la necessaria cubatura per realizzare l’opera. Se così non fosse, non bisogna perdere completamente le speranze. Esistono infatti dei regolamenti regionali, o talvolta comunali, che potrebbero risolvere il problema. Ogni singolo caso dovrebbe dunque essere valutato attentamente.