I fiori per la casa più belli da piantare in primavera

fiori per la casa da piantare in primavera

La primavera è la stagione in cui natura e vita si risvegliano, le giornate si allungano e i campi, così come le città, fioriscono. Per gli amanti del pollice verde la primavera è anche la stagione perfetta per “far fiorire anche le proprie abitazioni”.

Sono infatti numerosi i fiori da piantare in primavera ideali per donare colore e freschezza a giardini, balconi e anche ai vari ambienti interni. Qualunque sia lo spazio che abbiamo a disposizione e che desideriamo abbellire con elementi floreali, avremo soltanto l’imbarazzo della scelta.

Alcuni dei fiori che si piantano in primavera fioriscono in tempi brevi, altri invece vedranno la luce soltanto in estate. Alcuni hanno bisogno di molta acqua e altri meno. Ci sono quelli che necessitano della luce diretta del sole, altri prediligono l’ombra. Perciò, chi si accinge a piantare i fiori primaverili deve innanzitutto conoscerli bene. Solo così si potranno soddisfare le loro esigenze, ricevendo in cambio dei risultati rigogliosi e coloratissimi.

I fiori che sbocciano in primavera

Se vogliamo focalizzarci sulle piante in grado di fiorire sin dalla stagione primaverile, potremo scegliere tra tantissime specie. Alcuni di questi fiori sbocciano infatti in poco tempo, in modo tale da popolare i nostri vasi o i nostri giardini sin dai primi mesi della primavera. Altri invece fioriscono tra maggio e giugno e ci donano il loro splendido aspetto anche per l’intera estate. In molti casi addirittura la fioritura può avviarsi in primavera e protrarsi sino ai primi mesi dell’autunno.

Azalea

In natura esistono diverse varietà di azalee, ma tutte quante si caratterizzano per essere tra i primi fiori a sbocciare. Infatti, queste piante che in realtà sono dei veri e propri arbusti, fioriscono già a marzo. Possono avere colori variegati e forme diverse. Alcune azalee possono essere ad esempio piantate in vaso, mentre altre, che possono raggiungere i 2 metri di altezza, sono più adatte ai giardini.

Calendula

Anche le calendule sono presenti in natura in più di 20 specie. Per questo le dimensioni e le forme possono variare tra loro. Anche la gamma dei colori è vasta e fiori possono assumere diverse tonalità dal giallo sole al rosso fuoco. La fioritura di questa pianta che si caratterizza per l’ottimo odore inizia a fine maggio.

Canna

Di derivazione tropicale, il fiore della canna è uno dei più appariscenti da piantare in primavera. I fiori, che possono essere rosa, rossi, bianchi, arancioni o gialli, sono sicuramente tra i più belli in assoluto. La sua derivazione tropicale fa sì che necessiti di un terreno ricco di sostanze nutritive e di frequenti innaffiature. Il gelo e la siccità sono nemici della canna.

Geranio

Un altro fiore molto bello e profumato è il geranio. I gerani sono molto delicati e necessitano di essere rinvasati ogni primavera. Inoltre devono essere innaffiati spesso anche se bisogna evitare i ristagni d’acqua. In più hanno bisogno di crescere i un terreno soffice e di essere concimati circa ogni 2 settimane.

Gerbera

Tra i fiori in grado di popolare e colorare un giardino in grande stile ci sono sicuramente le gerbere. I suoi colori variano dal bianco al giallo, dall’arancio al rosso, dal lilla al viola. Anche in questo caso è importante mantenere il terreno fresco e idratato, ma ben drenato e quindi privo di ristagni d’acqua.

Gladiolo

I gladioli sono tra i fiori a sbocciare prima in primavera. Per farlo hanno però bisogno di molta luce del sole e di un terreno ricco di materia organica. I suoi colori sono semplicemente deliziosi.

Iris

Tra i fiori più appariscenti che la primavera ci regala ci sono gli iris. Anche in questo caso potremmo avere a che fare con diverse specie, ma in ogni caso dovremo garantire ai bulbi un terreno fresco e ben drenato. Gli iris possono essere coltivati sia in vaso che in giardino.

Lillà

Anche se gli arbusti di lillà possono raggiungere i 3 metri di altezza, questi fiori possono anche essere piantati in vaso su un balcone. Si tratta di una pianta molto semplice da coltivare.

Margherita

Tra i simboli principali della primavera, le margherite devono essere piantate a marzo in un misto di terriccio e argilla espansa. I fiori sbocceranno in aprile e avranno bisogno del sole e dell’acqua.

Primula

Coloratissime e decisamente primaverili sono anche le primule. Questi fiori hanno però bisogno di crescere in zone ombreggianti e di un terreno umido e ben drenato.

In primavera si può pensare anche di piantare delle erbe aromatiche che sono anche in grado di abbellire vasi e giardini. Coriandolo, prezzemolo, erba cipollina e l’aneto sono soltanto alcune delle erbe che poi potranno tornarci utili anche in cucina.

I fiori che sbocciano in estate

Non tutte le piante fioriscono in tempi brevi, dunque è naturale che alcuni dei fiori che abbiamo piantato in primavera sboccino soltanto in estate. Eccone alcuni esempi.

Begonia

Piantando a metà marzo i bulbi delle begonie, in estate si otterrà la fioritura di una pianta ornamentale molto scenografica. Ha bisogno di umidità e calore, ma è importante disporla in una zona ombreggiata e non alla luce diretta del sole.

Calla

Tra i fiori che spiccano maggiormente per eleganza abbiamo di certo le calle. Sia i fiori che il fogliame sono molto belli, ma è importante situare queste piante in zone ombreggiate.

Dalia

La luce del sole è invece molto importante per le dalie, assieme ad un terreno umido e ben drenato. Questi fiori sbocciano in estate sprigionando un’esplosione di profumi e colori.

Giglio

I gigli sono bellissimi e semplici da coltivare, adatti a crescere sia in vaso che nei prati dei nostri giardini.

Lobelia

I fiori piccoli, numerosi e coloratissimi della lobelia sono tra i più aggraziati tra quelli che sbocciano in estate. Prediligono le zone d’ombra e innaffiature frequenti.

È importante sottolineare che questi sono soltanto alcuni dei fiori da piantare in primavera che la natura ci ha donato. Ne esistono infatti numerosissime altre specie. Alcune di queste possono essere piantate nella stagione primaverile per poi sbocciare in autunno, come i girasoli, o addirittura in inverno, ad esempio i narcisi.