Home Staging: per una villa al grezzo

Indice articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Anche un immobile lasciato al grezzo può essere allestito… e con grande successo!

Quando si parla di home staging, ossia di quella strategia di marketing immobiliare che consiste nella “messa in scena” di un immobile per favorirne la vendita in tempi più rapidi e la difesa del prezzo, si crede erroneamente che questa leva di mercato possa essere applicata soltanto su proprietà già rifinite, arredate o vuote ma comunque finite.

La case history che vi proponiamo dimostra che la casistica di applicazione (e successo) della valorizzazione immobiliare può essere molto più ampia. Ce lo racconta Fosca de Luca, Home Stager e redesigner professionista, che ha contribuito a una veloce collocazione di oltre 300 immobili, fondato la scuola Staging&Redesign Expertise School ed è formatrice nei principali eventi immobiliari nazionali. Fosca de Luca è stata inoltre il primo presidente dell’Associazione Home Staging Lovers, associazione professionale di categoria degli home stager italiani, che dal 2013 raccoglie il gruppo più numeroso di home stager attivi professionalmente in Italia.

 

Associazione Nazionale Home Staging Lovers

 

È l’associazione di categoria degli home stager italiani, i professionisti della valorizzazione immobiliare che preparano gli immobili per una loro collocazione sul mercato veloce e redditizia. L’Associazione garantisce ai propri partners la collaborazione con Home Stager Professionisti, rilasciando a chi ne ha i requisiti, l’Attestato di Qualità e Qualificazione Professionale dei Servizi prestati ai sensi della Legge 4/2013.

 

L’intervista a Fosca de Luca

 

 

Fosca, vuoi raccontarci il tuo intervento di Home Staging per questa villa al grezzo? Dove si trova?

Siamo a Budrio, in provincia di Bologna. Questo intervento di Home Staging, che ho scelto di chiamare “Il Cigno Impertinente”, è stato realizzato su un immobile al grezzo. Molti stentano a crederci eppure anche una villa lasciata al grezzo per permettere la personalizzazione al cliente può essere allestita e con grandissimo successo. In questo caso, a seguito di uno studio preliminare, ho deciso di utilizzare una palette colore nei toni del grigio e bordeaux, unendo poi bianco e nero a ricreare un ambiente contemporaneo e molto accogliente.

Quali sono i requisiti “minimi” affinché possa essere realizzato un progetto di Home Staging su un immobile al grezzo?

Nel caso degli immobili al grezzo ci si può trovare in assenza di pavimenti, rivestimenti, porte interne, radiatori, sanitari. Ma devono essere necessariamente montate le finestre interne e completato l’impianto elettrico completo di frutti: in pratica si deve poter accendere la luce. Si richiede inoltre al costruttore una pulizia generale, sia della polvere di cemento di cantiere sia di tutte le finestre, vetri compresi. È anche importante dare un’imbiancatura, perché in genere in questa fase i muri spesso sono ancora in parte al grezzo, e le pareti grigie-cemento rendono le stanze visivamente più piccole. L’elettricista deve installare cavi, portalampade ed i lampadari che l’home stager ha studiato per il progetto.

E poi, come si procede?

Poi l’home stager entra nell’immobile grezzo ed esso prende vita! In base al target studiato e delineato si vanno ad allestire gli ambienti, ricreando zona living, cucina, bagni e zona notte e ogni altro spazio utile ad ottenere l’effetto desiderato: suscitare emozione nell’acquirente!

Puoi svelarci uno dei tuoi “segreti” più efficaci per dare un nuovo look all’immobile grezzo ed suscitare l’effetto WOW nei potenziali acquirenti?

Io in questi casi, più che in altri, richiedo di tinteggiare qualche parete: il colore aiuta molto ad eliminare l’effetto cantiere. Qual è stata la strategia post-allestimento adottata per la villa? Questa porzione di villa è stata allestita a fine 2018; subito dopo è stato organizzato un open house per far conoscere il nuovo cantiere di 6 villette a schiera. Le fotografie realizzate hanno attivato numerose visite, dopo un lungo periodo in cui non c’erano contatti.

Secondo te perché l’Home Staging su un immobile al grezzo si è rivelato particolarmente efficace?

Come sempre accade quando si studia un progetto di Home Staging, l’obiettivo del professionista è quello di far percepire ad una platea più vasta possibile, il reale potenziale di un immobile. Se per alcune persone è possibile immaginare le potenzialità di pareti grigie e cavi vari che fuoriescono dai muri, per molte altre – ossia per la stragrande maggioranza – la situazione in cui ci si trova davanti non permette di attivare le condizioni necessarie affinché ci si possa immaginare nella propria futura casa e non scatta la pulsione di acquisto.

Gli associati HSL sono partner ideali per i professionisti del settore immobiliare con cui collaborano: hanno tutti conseguito una formazione di alto livello ed ogni anno hanno accesso alla Formazione Permanente Obbligatoria e gratuita con la quale hanno opportunità di aggiornamento continuo, garantendo così alti standard qualitativi. I professionisti dell’Associazione Home Staging Lovers supportano gli operatori con un servizio differenziante, di elevata qualità e performante, che inizia con un sopralluogo valutativo, prosegue con l’allestimento dell’immobile e include il servizio fotografico emozionale.

Articolo a cura di Barbara Medici Ufficio Stampa HSL. Facebook: Associazione Nazionale Home Staging Lovers. Sito internet: homestaginglovers.it.

Pubblicato sul numero del 2/3/2020 del periodico Immobili&Co.