Eliminare scarafaggi: rimedi e consigli per evitare una seconda infestazione

Il problema degli scarafaggi in casa è sempre più frequente nell’ultimo periodo anche se in molti tendono spesso a prenderlo sottogamba. Ebbene, bisogna sapere che le blatte tendono ad uscire dal proprio nido per nutrirsi e cercare avanzi, ed in tal senso una mancata disinfestazione può portarle, a lungo andare, ad avvicinarsi alla credenza o alle dispense di casa, contaminando il cibo con la loro saliva.

Una cosa che, oltre a risultare sgradevole, può portare alla trasmissione di gravi malattie quali tifo, salmonella, escherichia coli, epatite a persone ed eventuali animali domestici. Motivo per cui, anche alla vista di un solo scarafaggio, bisognerebbe subito adoperarsi per capire come eliminare le blatte in casa al più presto: una sola può deporre anche 50 uova, portando potenzialmente ad un problema poi molto più complicato da risolvere.

Eliminare blatte in casa: prodotti e rimedi naturali e non

Per eliminare gli scarafaggi non è sempre necessario ricorrere a ditte specializzate, né tantomeno spendere cifre esorbitanti. In commercio ci sono tanti prodotti economici e semplici da utilizzare anche in autonomia. La prima cosa che viene in mente quando bisogna eliminare scarafaggi in casa è lo spray insetticida. Questo andrebbe spruzzato direttamente nei nascondigli delle blatte quali prese d’aria, crepe del muro o dintorni dei cestini della spazzatura. Bisogna però maneggiarlo con cura, essendo in parte nocivo per l’uomo.

Se invece non si è individuato bene il nido, meglio affidarsi alle trappole per scarafaggi. Queste sono naturali: contengono un’esca e del materiale adesivo. Attirate dall’odore, le blatte finiscono per rimanere incollate. Una soluzione, questa, che rispetta l’ambiente, ma che risulta un po’ scomoda visto che bisognerebbe piazzarne tante, senza comunque avere la certezza di intrappolare gli ospiti indesiderati.

In parte simili alle trappole, anche le esche sono l’ideale per eliminare le blatte. Queste contengono un gel chimico che funziona come un veleno. La blatta, attirata dall’esca, porta questa nel nido e di conseguenza infetta tutta la colonia. Un metodo molto invasivo ma al tempo stesso pericoloso, soprattutto se si hanno bambini o animali che potrebbe essere attirati dalle esche. Per evitare pericoli, l’alternativa più valida per eliminare le blatte in modo naturale è il repellente ultrasuoni per scarafaggi, un prodotto dal costo medio più elevato ma naturale al 100%. Questo emette suoni non udibili dall’uomo ma fastidiosissimi per tutti gli insetti (quindi è utile anche contro mosche, zanzare, ragni, etc), che saranno portati ad allontanarsi da soli. La sua particolarità è che risulta efficace anche negli spazi aperti (es. giardino).

Eliminare blatte: consigli utili in tema di prevenzione

Una volta risolto il problema non si deve pensare che questo automaticamente non possa ripresentarsi in futuro. In tal senso, per evitare brutte sorprese, la cosa migliore da fare non è eliminare gli scarafaggi in casa quando ormai già l’hanno infestata, ma puntare appunto ad un’importante prevenzione. Ecco una serie di consigli utili a riguardo:

  • Non lasciare rifiuti in giardino: spesso è la tana preferita degli scarafaggi, che amano nascondersi tra legno decomposto, paglia, scarti di piante, etc. Con l’arrivo del freddo, questi poi si spostano verso l’interno della casa in cerca di cibo e riparo;
  • Individuare il nido e distruggerlo: anche se di blatte non se ne vedono più, bisognerebbe assicurarsi di aver eliminato il nido. Soltanto eliminando il loro riparo ci si assicura di aver risolto al 100% il problema;
  • Sigillare gli ingressi: considerando che gli scarafaggi spesso entrano in casa sfruttando crepe e spazi tra porte e finestre. La cosa migliore da fare è bloccare ogni spiffero con stucco e silicone;
  • Inserire trappole preventive: giusto per essere sicuri, tenere qualche trappola sparsa qui e là sotto un armadio o vicino zona umide della casa: in fondo non si sa mai!
  • Lavare periodicamente la cucina: soprattutto gli elettrodomestici dovrebbero essere ripuliti periodicamente: dal frigorifero al forno a microonde, passando per lavastoviglie e tostapane. Gli scarafaggi si cibano di grasso e scarti di cibo, quindi bisogna eliminare tutto ciò il più possibile;
  • Non mangiare in giro per casa: meglio consumare cibo in una sola stanza della casa. È importante limitare le briciole e le fuoriuscite di cibo, così da facilitare anche la pulizia;
  • Svuotare periodicamente dispense: che possono attirare facilmente le blatte. Basti pensare a barattoli di miele o marmellata;
  • Sigillare il cibo: tenendo presente che gli scarafaggi possono entrare in imballaggi di cartone e sacchetti di plastica. Meglio usare contenitori sigillati in vetro, metallo o plastica dura.

Eliminare blatte da casa: la disinfestazione come ultima spiaggia

Purtroppo può capitare, quando si agisce troppo tardi al problema, di non riuscire ad eliminare gli scarafaggi da casa con rimedi fai da te e tanti altri buoni propositi. Quando ci si rende conto che la situazione è grave, non resta che chiamare in causa una ditta specializzata che possa risolvere il tutto in maniera professionale. La disinfestazione comunque è da considerarsi una sorta di “ultima spiaggia” per diversi motivi: innanzitutto per i costi (ovviamente abbastanza alti), ma soprattutto per il fatto che la casa verrebbe riempita di veleni ed altre sostanze chimiche. Un motivo in più per eliminare scarafaggi anzitempo e non arrivare ad un epilogo così spiacevole.