Come scegliere la pittura per cucina: idee e consigli pratici

pittura per cucina

La cucina è uno degli ambienti più vissuti della casa, per questo motivo è più soggetta a usura e deterioramenti dei materiali rispetto alle altre stanze. Non solo, la cucina così come il bagno è un ambiente particolarmente umido, di conseguenza quando andiamo a scegliere la pittura per la cucina, dobbiamo avere qualche accorgimento in più.  

Come scegliere la pittura per la cucina?

Iniziamo con il fare una distinzione tra le varie tipologie di pittura per cucine. Se siete alla ricerca della pittura più adatta, dovete saper distinguere tra pittura a olio, pittura acrilica e pittura alchidica. 

Le pitture a olio sono quelle più opache e resistenti e danno un’ottima resa una volta stese. Le pitture acriliche invece sono tra le più richieste, anche per quanto riguarda le pitture per esterni, e hanno il più rapido periodo di asciugatura. Infine, le pitture alchidiche, che sono considerate tre le migliori, presentano le seguenti caratteristiche: 

  • pulizia a base d’acqua;
  • asciugatura breve ;
  • buona distesa;
  • sono meno tossiche delle altre.

Qual è la pittura ideale per la cucina?

Non esiste in assoluto la pittura ideale per la cucina, perché bisogna sempre tenere presente i gusti personali oltre che le resa che si vuole ottenere. Per quanto riguarda i muri della cucina, è preferibile utilizzare pitture satinate, in quanto offrono una maggiore resistenza. Le pitture opache invece sono le meno indicate, dato che riflettono poco la luce. 

Tra i vari tipi di pittura per cucina abbiamo anche l’idropittura, una delle più utilizzate per le pareti interne. Ha un costo più alto rispetto alle altre, ma giustificato da una resa migliore e una durata più lunga. Si distingue in pittura per cucina lavabile, traspirante o termoisolante, ma per scegliere l’idropittura più adatta il fai da te non basta. È sempre meglio rivolgersi al parere di un esperto dopo un accurato sopralluogo. 

Se avete bisogno di una pittura particolare per la cucina (ad esempio se avete problemi di umidità in casa) esistono quelle antimuffa che contengono microsfere apposite che aiutano a mantenere più calda la temperatura delle pareti. 

Pittura per cucina: come scegliere il colore giusto?

Prima di scegliere il colore della pittura della cucina è bene considerare alcuni fattori, in primis la dimensione della stanza da tinteggiare. 

Colori più scuri tenderanno a far sembrare la cucina più piccola, mentre i toni chiari danno l’illusione di un ambiente più ampio e luminoso. Inoltre, se la cucina è piuttosto bassa, può essere utile dipingere le pareti con un colore più scuro rispetto al soffitto, in modo da far sembrare l’ambiente più alto.

Volete una pittura moderna per la vostra cucina? I colori più in voga sono il verde e il grigio, due tonalità che si abbinano alla perfezione con qualsiasi tipo di arredamento o elettrodomestico. Mentre il grigio dona un aspetto più elegante e raffinato alla cucina, colori come il verde o il rosso rendono l’ambiente più moderno e grintoso. Il giallo è un altro colore moderno per pitturare la cucina, che rende l’ambiente allegro e luminoso.
Se invece avete bisogno di una pittura per una cucina rustica, la soluzione migliore è utilizzare i colori della terra, che vanno dal beige al marrone, fino al rosso bruciato. 

Alcune idee per pitturare la cucina in stile classico

Se siete alla ricerca di idee per pitturare le pareti di una cucina classica, ecco qualche consiglio pratico.
Per rinnovare l’ambiente potete utilizzare delle tonalità di tendenza come il beige, il bianco, il grigio o il giallo. Per dare più calore e familiarità alla cucina, i colori neutri e caldi come il marrone e il beige sono l’ideale. Il beige, così come tutti i colori naturali, è una tonalità molto versatile che si abbina alla perfezione anche con i mobili in legno.

Anche il grigio tortora è uno dei colori ideali per pitturare le cucine classiche. Perfetto nelle cucine in stile country chic o in stile provenzale, questa tonalità dona subito un tocco sofisticato all’ambiente, pur restando un colore di tendenza.