Come pulire ogni tipo di pavimento: consigli per la casa

pulizia pavimenti

Ogni giorno ci camminiamo, ci giochiamo, ci dormiamo e ci esercitiamo sopra: il pavimento della nostra casa è forse la superficie che più usiamo in assoluto e per questo è più soggetta a dover essere pulita di frequente. Che si preferisca utilizzare stracci, macchine a vapore o robot di ultima generazione, lavare i pavimenti resta un’operazione comune da non sottovalutare. Essa, infatti, deve essere eseguita correttamente adottando metodi diversi a seconda dei materiali di cui è composta la pavimentazione.

Tipi di pavimento e soluzioni di lavaggio

Avete una moquette e nessuna idea di come pulirla senza bagnarla? Usate detergenti costosi e fate più passate di mocio ma vi sembra che il pavimento resti opaco o pieno di aloni? Non è detto che ciò dipenda solo da quante volte laviate a terra, ma anche dal tipo di prodotti che utilizzate, poiché a maggiore spesa non sempre corrisponde maggiore resa, anzi. Spesso le opzioni più economiche, quelle naturali, si rivelano le migliori.

Ad esempio, per disinfettare dopo il lavaggio si può ricorrere alla candeggina (da usare sempre con acqua fredda) oppure, alla sua alternativa naturale, formata da aceto bianco, soda, due cucchiai di sapone di Marsiglia liquido, poche gocce di Tea tree oil e acqua calda.

Ma andiamo ad analizzare come rendere i nostri pavimenti puliti per categorie di materiali.

Come pulire bene i pavimenti in gres porcellanato e ceramica

I pavimenti di questo tipo sono tra i più comuni e semplici da pulire. Essi infatti non richiedono particolari attenzioni ma è comunque importante conoscere alcune informazioni. La ceramica può essere di tre tipi: a monocottura, a bicottura (più delicata e soggetta a graffi) ed il gres porcellanato.

Regola generale per questo materiale, è quella di non usare soluzioni troppo oleose o spazzole molto dure ma preferire dei detergenti neutri. Per il gres porcellanato grezzo poi si può usare anche dell’acqua, una tazza di aceto bianco e due cucchiai di detersivo per i piatti mentre, per quello lucido, si possono aggiungere a questi elementi due cucchiai di bicarbonato.

Come pulire bene i pavimenti di marmo

Il pavimento in marmo è una scelta di grande classe ma richiede alcune accortezze. Ad esempio, se non vengono subito trattate delle macchie depositate, c’è il rischio che restino permanente. Poi, a differenza di quanto accade per altri materiali, sul marmo è sempre sconsigliato utilizzare l’aceto.

Per pulirlo occorrono invece due cucchiai di bicarbonato di sodio, 10 di alcool e 2 di sapone neutro. Nel caso in cui il pavimento in marmo bianco risulti ingiallito è possibile creare un detersivo naturale con 3 litri di acqua calda, 10 cucchiai di alcol, 2 cucchiai di bicarbonato, e 1 pezzo di sapone di Marsiglia. Dopo aver passato l’apposita cera lucidante, l’asciugatura dovrà avvenire tramite un telo.

Pavimento in cotto

Un altro pavimento molto sofisticato ma più complicato da trattare è quello in cotto che, data la sua natura porosa, assorbe bene purtroppo anche lo sporco. Si raccomanda quindi di lavarlo con un insieme composto da 3 parti di acqua, una di aceto bianco e poche gocce di detersivo per piatti. Come nel caso del marmo, si ricorda che il cotto va sempre asciugato con un panno.

Pavimento in parquet

Per pulire il parquet in legno basta un panno in microfibra da inumidire in acqua bollente e del sapone liquido di Marsiglia. Vale lo stesso per il finto parquet (in laminato) anche se quest’ultimo è più resistente, anche ai graffi. Fondamentale ricordare di non usare mai sul parquet alcool o ammoniaca. Per lucidarlo, oltre a specifici panni lucidanti imbevuti di oli, è possibile creare una soluzione con acqua e due bustine di tè verde da lasciare in posa per un paio di ore prima di risciacquare.

Pavimento in PVC

Il lavaggio dei pavimenti in PVC può essere svolto con qualsiasi detergente che non sia a base a solvente, olio di lino, acetone o trielina. Anche in questo caso, l’azione disinfettante e disincrostante dell’aceto si rivela preziosa anche contro le macchie più ostinate. I pavimenti vinilici non richiedono alcun tipo di asciugatura manuale ma, anzi, è raccomandabile lasciarli asciugare naturalmente per non fare in modo da rimuovere il film protettivo creato del detersivo per mantenere la superficie pulita più a lungo.

Pavimento in moquette

Per pulire in profondità un pavimento in moquette, uno dei metodi migliori è sicuramente quello a vapore tramite le apposite macchine. Se non se ne dispone di una, è consigliabile una pulizia frequente con l’aspirapolvere oppure passando la scopa, sia nel senso della trama della moquette che in senso contrario.

Un altro ottimo metodo di pulizia e disinfezione consiste nello spargere una grande quantità di bicarbonato di sodio da lasciare in posa per un paio di ore ed, infine, risucchiare via con l’aspirapolvere.

Domande Frequenti – Pulizia Pavimento

Come pulire il pavimento di marmo?

Per pulirlo occorrono invece due cucchiai di bicarbonato di sodio, 10 di alcool e 2 di sapone neutro. Nel caso in cui il pavimento in marmo bianco risulti ingiallito è possibile creare un detersivo naturale con 3 litri di acqua calda, 10 cucchiai di alcol, 2 cucchiai di bicarbonato, e 1 pezzo di sapone di Marsiglia. Dopo aver passato l’apposita cera lucidante, l’asciugatura dovrà avvenire tramite un telo.

Come pulire il pavimento in cotto?

Un altro pavimento molto sofisticato ma più complicato da trattare è quello in cotto che, data la sua natura porosa, assorbe bene purtroppo anche lo sporco. Si raccomanda quindi di lavarlo con un insieme composto da 3 parti di acqua, una di aceto bianco e poche gocce di detersivo per piatti. Come nel caso del marmo, si ricorda che il cotto va sempre asciugato con un panno.

Come pulire i pavimenti in ceramica?

I pavimenti di questo tipo sono tra i più comuni e semplici da pulire. Regola generale per questo materiale, è quella di non usare soluzioni troppo oleose o spazzole molto dure ma preferire dei detergenti neutri. Per il gres porcellanato grezzo poi si può usare anche dell’acqua, una tazza di aceto bianco e due cucchiai di detersivo per i piatti mentre, per quello lucido, si possono aggiungere a questi elementi due cucchiai di bicarbonato.

Come pulire il pavimento in PVC?

Il lavaggio dei pavimenti in PVC può essere svolto con qualsiasi detergente che non sia a base a solvente, olio di lino, acetone o trielina. Anche in questo caso, l’azione disinfettante e disincrostante dell’aceto si rivela preziosa anche contro le macchie più ostinate. I pavimenti vinilici non richiedono alcun tipo di asciugatura manuale ma, anzi, è raccomandabile lasciarli asciugare naturalmente per non fare in modo da rimuovere il film protettivo creato del detersivo per mantenere la superficie pulita più a lungo.