Come pulire il lampadario di cristallo antico senza fatica 

lampadario cristallo

Pulire un lampadario di cristallo a gocce è sicuramente uno dei lavori più pesanti da fare in casa. I lampadari antichi di questo tipo rendono gli ambienti eleganti, anche se inseriti in contesti moderni. L’unico svantaggio è l’enorme quantità di polvere che riescono a catturare, rendendo la pulizia di casa particolarmente difficoltosa.

Vediamo dunque come pulire i lampadari di cristallo senza fare troppa fatica.

Come pulire i lampadari di cristallo a gocce

Per pulire il cristallo bisogna avere tutta una serie di accortezze. Per prima cosa bisogna staccare la corrente elettrica per evitare incidenti.

Prendete dunque una scala abbastanza alta e un telo assorbente da posizionare in terra sotto al lampadario, questo è tutto quello di cui avete bisogno.

Come si puliscono i lampadari di cristallo?

Sarebbe meglio pulire il lampadario di cristallo di mattina in modo da aprire le finestre e far entrare la luce del sole. Prima di applicare qualsiasi prodotto bisogna eliminare lo strato di polvere che si accumula sulle gocce o sui pendenti del lampadario. Utilizzare un panno di microfibra morbido e uno spazzolino da denti per rimuovere la polvere nelle fessure più piccole.

Esistono degli spray per pulire i lampadari di cristallo che in genere sono a base di alcool e ammoniaca, e si possono trovare facilmente nei supermercati o negozi di casalinghi. Come ultimo passaggio passa nuovamente il panno in microfibra su tutta la superficie del lampadario per asciugarlo e lucidarlo.

Le parti di metallo invece si possono pulire con un panno imbevuto di prodotto per metalli.

Se invece vuoi sapere come pulire i lampadari a goccia di cristallo senza utilizzare prodotti chimici, puoi utilizzare questo metodo fai da te. Prendi un po’ di acqua e aceto bianco, e mescola tutto all’interno di un bicchiere. Prendi ora le singole gocce di cristallo e immergile nella soluzione all’interno del bicchiere: in poco tempo torneranno come nuove.

In alternativa, come rimedio fai da te, puoi utilizzare anche del detersivo per i piatti. L’effetto sarà molto simile a quello dell’acqua e aceto. Per pulire le parti in metallo dei lampadari con pendenti, invece, puoi utilizzare una soluzione composta da acqua e un cucchiaio di limone.

Come pulire un lampadario di ottone e cristallo

Se invece devi pulire un lampadario in ottone e cristallo, come primo passo anche in questo caso dovrai rimuovere la polvere. Per farlo utilizza dei guanti in cotone, per evitare di lasciare le impronte sul lampadario, e un panno inumidito con acqua calda e sapone di Marsiglia.

A questo punto, passalo con attenzione sulle parti in ottone e infine asciuga tutto con un panno asciutto e morbido, in modo da ridare brillantezza alla lampada. Se invece sul lampadario ci sono tracce evidenti di ossidazione, puoi utilizzare un prodotto specifico o una soluzione fai da te.

Prendi una ciotola dove verserai: 2 cucchiai di sale da cucina, 2 cucchiai di aceto, 2 cucchiai di farina e un po’ di acqua. Per pulire il lampadario di cristallo e ottone, distribuisci il composto ottenuto sulle mani e strofinalo sulle parti in ottone. Per le zone più difficili puoi utilizzare un vecchio spazzolino da denti. Aspetta qualche minuto, risciacqua con acqua e asciuga con un panno pulito.

Se il lampadario presenta delle macchie di ruggine, la pulizia con acqua e sapone non è sufficiente. In questo caso prepara una miscela composta da acqua e bicarbonato e strofina con delicatezza questo composto sulla parte da pulire. Lascia agire la miscela per pochi minuti e poi rimuovi tutto con acqua e sapone, infine asciuga con molta cura, in questo modo anche la ruggine più persistente andrà via.