Come dividere una stanza senza opere murarie: idee low cost

dividere stanza casa

Chi vive in appartamenti dal metraggio ridotto dovrebbe porsi come obiettivo la possibilità di divedere un ambiente in due parti. Questo rende la casa più funzionale, oltre a migliorare la qualità della vita. Si pensi ad un salotto ben diviso dalla cucina, o alla zona giorno staccata dalla zona notte, o ancora ad una camera separata in due spazi autonomi.

Spesso però questo progetto si abbandona perché i dubbi sono tanti. Dai costi al fastidio di dover cominciare lavori lunghi e faticosi, passando per il timore che, una volta innalzato un muro, la casa possa apparire di colpo stretta e claustrofobica. Interrogativi legittimi ma che trovano una risposta alternativa: dividere una stanza senza fare lavori è possibile ed il più delle volte è anche più comodo, veloce e conveniente. Dalle soluzioni mobili a quelle fisse, le possibilità sono davvero tante in base alle diverse esigenze di ognuno. Vediamo qualche esempio concreto.

Dividere una stanza senza lavori, dal legno al vetro: tante possibilità

Una prima opzione di cui tenere conto sono le partizioni in vetro, perfetto in diverse occasioni per dividere gli ambienti senza dover erigere dei muri. Queste possono essere sia fisse che mobili. Nel primo caso si pensi ai pannelli in vetro o alle vetrate-separa ambienti. Nel secondo ad una parete mobile o alla più comune porta scorrevole in vetro. In quest’ultimo caso c’è anche la soluzione in vetro satinato semitrasparente, ideale soprattutto in bagno o comunque per dividere gli ambienti garantendosi anche un po’ di privacy.

Un’altra soluzione valida per dividere una stanza senza opere murarie potrebbe consistere nelle partizioni in doghe di legno, che rispetto al vetro dà forse un tocco di maggiore modernità all’ambiente. Le assi vanno poste in verticale e sono l’ideale per staccare la sala da pranzo dal salone. Un elemento d’arredo del genere va installato in questo modo: i listelli di legno vanno dal pavimento al soffitto, unici due punti in cui risultano agganciati. La struttura divisoria può quindi essere personalizzata a piacimento: dallo spazio tra le doghe alla larghezza di ognuna di queste, oltre al diverso materiale di rivestimento.

Poi ci sono le tende, forse in assoluto una delle scelte più versatili in tema di divisione delle stanze senza opere murarie. Se l’obiettivo è quello di creare una barriera tra un ambiente e l’altro, bisogna puntare su quelle oscuranti, che evitano il passaggio sia di luce naturale che artificiale. Chi invece vuole qualcosa di meno invasivo, deve puntare su toni più chiari (il bianco ovviamente è il più indicato in tal senso) o andare direttamente su tende a fili, che se messe nel giusto contesto possono davvero dare un tocco d’eleganza alla casa. Le tende a fili sono particolarmente adatte per delimitare un open space o lo spazio tra angolo cottura e living.

Dividere le stanze senza fare lavori: una lista di proposte

Quelle già viste sono solo alcune delle idee possibili per dividere le stanze senza opere murarie. Le soluzioni sono davvero tante. Eccone altre:

  • Il separé: che può essere di diverso materiale: tela, carta, bambù o legno. Anche in questo caso esistono quelli mobili, che si possono spostare ogni volta a proprio piacimento, e quelli fissi, che vengono attaccati al soffitto ed in genere sono componibili;
  • la libreria: per cui c’è davvero l’imbarazzo della scelta: dal design ai colori, passando per le dimensioni. Cambiano anche le tipologie: ci sono ad esempio quelle componibili, che si possono riempire e personalizzare a piacimento. Poi ci sono quelle sospese, o meglio fissate al soffitto, forse in assoluto le più affascinanti. Infine quelle fissate sia a terra che al solaio, perfette per chi ama il design moderno;
  • le piante: particolarmente indicate per chi ama il verde. Per fare prima, basta munirsi di grandi vasi contenitori e scegliere quella più adatta all’ambiente. Ma non mancano le soluzioni più glamour: si potrebbe ricreare una sorta di libreria di vasi sospesi, davvero suggestiva;
  • il giardino verticale: che si rifà molto all’idea delle piante, ma è molto più complessa e soprattutto più costosa. Consiste nel ricreare una parete bi-facciale che presenti una vegetazione su entrambi i lati. L’effetto finale è spettacolare, ma in questo caso si necessita di un intervento esterno per realizzarlo;
  • gli scaffali: più semplici ed al tempo stesso meno invasivi e meno dispendiosi rispetto ad una libreria. L’ideale soprattutto per dividere ambienti non troppo grandi;
  • gli specchi: che riesaltano lo spazio, dandogli una maggiore profondità prospettica. E poi, a prescindere, sono molto utili: due in uno.

Dividere una stanza senza muri: conta anche la creatività

Quelle presentate sono idee per dividere la stanza senza fare lavori molto valide, ma probabilmente le soluzioni al problema possono essere molte altre ancora. Con un po’ di creatività basta un budget davvero esiguo per fare un intervento poco invasivo e che possa essere perfettamente in linea con lo stile di design dell’appartamento. Non resta che mettersi in gioco, sperimentare e capire quale possa essere la scelta migliore per la propria casa.