Come dividere una casa: idee e consigli per dividere gli spazi 

come dividere casa

Quando si ristruttura una casa la prima difficoltà che si incontra è il frazionamento e l’organizzazione degli spazi.

Dividere una casa nel modo sbagliato comporta un notevole spreco di spazi, oltre che a sacrificare ambienti che potrebbero essere sfruttati meglio. Vediamo dunque alcune idee per dividere una casa.

Idee per dividere una casa e ottimizzare gli spazi

Se dovete dividere una casa che si trova tutta su un piano, la prima cosa da fare è individuare la stanza più grande che è quella in fondo alla casa, e che di solito diventa la stanza da letto.
Si parte prima dal progetto del bagno, che in genere viene posizionato in modo strategico nel punto della casa dove arriva abbastanza luce.

Il punto della casa con una migliore esposizione al sole va invece destinato al salone e alla cucina, in modo che restino ben illuminati per tutto il giorno. Se dovete dividere una casa rettangolare fate dunque attenzione all’esposizione della luce.

Per dividere una casa su due piani invece dovete strutturare il progetto facendo in modo che la zona notte sia sempre collocata al piano di sopra, anche se nelle case moderne la zona notte è collocata al piano inferiore.

L’organizzazione degli spazi dipende anche dalla grandezza della casa, se ad esempio dovete dividere una casa di 60 mq potete farlo utilizzando l’arredo. Ad esempio con una libreria fatta a riquadri, alla quale si può accedere da entrambi i lati.

Se vi trovate in un monolocale potete dividere gli spazi utilizzando un divano fatto a penisola nella zona giorno, in modo da tenere visivamente gli ambienti separati tra loro.

Le pareti di vetro sono un’ottima soluzione per dividere una casa e creare spazi indipendenti all’interno di un ambiente unico. Queste pareti sono molto utilizzate negli ingressi, e possono essere di vetro trasparente o smerigliato.

Come dividere una casa in due appartamenti

Le idee per dividere una casa sono tante, ma come fare per dividere una casa in due appartamenti?

A volte è necessario frazionare un immobile in due, per vari motivi. Successione ereditaria, necessità di affittare una porzione di casa o semplicemente perché si desidera creare uno spazio indipendente dal resto della casa.

Ecco dunque la procedura da seguire per procedere con la divisione:

  • Per prima cosa, verificare la documentazione esistente: controllo della legittimità della preesistenza al comune (conformità urbanistica-edilizia) ed al catasto (conformità catastale). Da questi elaborati parte qualsiasi richiesta di autorizzazione per modifiche dell’unità immobiliare.
  • CILA o SCIA – Pratiche edilizie da presentare al Comune: le pratiche edilizie con cui il frazionamento viene autorizzato dal punto di vista amministrativo ed urbanistico al Comune.
  • Presentazione dell’aggiornamento catastale al Catasto: soppressione del subalterno vecchio e la costituzione di due nuove unità immobiliari. Nelle note va richiamato il titolo abilitativo con cui si sono realizzati i lavori per dimostrare la conformità urbanistica.
  • Richiesta di autorizzazione al condominio: questo documento è necessario per interventi che comportano la modifica delle parti comuni.
  • Nuovi allacci gas ed elettricità: il frazionamento comporta la richiesta di nuovi allacci per elettricità o gas
  • Trasferimento della proprietà: il passaggio da un notaio è dovuto solo in caso di vendita dell’unità immobiliare.

Per eseguire il frazionamento in modo efficace si consiglia di rivolgersi a un professionista abilitato, in modo che possa gestire le procedure amministrative e coordinare i lavori da eseguire.

E se l’immobile si trova in un condominio? Se dovete dividere la casa in due appartamenti e vi trovate in un condominio, tenete presente che quest’ultimo non si può opporre, a meno che il frazionamento non comporti la modifica delle parti comuni.