Tra errori da evitare e buone abitudini: come curare le piante da appartamento

come curare le piante da appartamento

La quantità di luce, i ricambi d’aria, l’irrigazione, la potatura, il rinvaso. Le piante da appartamento sono particolari e per questo motivo hanno bisogno di tutta la cura e l’amore possibile in ogni stagione dell’anno. Con il termine piante di appartamento ci si riferisce a diverse specie di piante molto diverse tra loro per profumo, colore, dimensioni. Tutte però sono accomunate da questa caratteristica: sono piante costrette a crescere in vaso.

Proprio per questo motivo hanno bisogno di una manutenzione continua, non potendo contare in autonomia sulla ricchezza che il suolo offre. Un pezzo di terreno, per quanto curato nei dettagli, non metterà mai a disposizione della pianta gli stessi nutrienti di cui dispone invece un pezzo di terra vero e proprio. Fatta questa dovuta premessa, in questa piccola guida si proverà a dare qualche consiglio su come annaffiare le piante da appartamento e non solo.

Come prendersi cura delle piante da appartamento: le differenze in base al periodo dell’anno

La prima cosa di cui tenere conto è il fatto che il livello di manutenzione non è ovviamente lo stesso a seconda delle diverse stagioni dell’anno. Per esempio, durante l’estate bisogna porre maggiore attenzione per l’irrigazione e la potatura. Al contrario, in inverno basta seguire la normale profilassi per curare piante da appartamento (caso a parte per le piante che invece vanno coltivate nei locali climatizzati).

Ci sono poi attività che vanno effettuate invece sempre, a prescindere del periodo. Una di queste consiste nel controllo della temperatura. Oppure, la traspirazione delle mura o ancora l’esposizione luminosa, sono parametri da considerare sempre perché alla base di un buon sviluppo per la pianta da appartamento. Detto questo, proviamo a scoprire insieme un po’ di consigli utili.

Quando mettere fuori le piante da appartamento

Per prima cosa, la pianta da interni non va mai messa vicina ad un termosifone durante il periodo invernale, né tantomeno è consigliato metterla nei pressi di un condizionatore d’aria fredda in estate. Sembrano soluzioni ideali, ma la verità è che in queste zone della casa l’aria tende ad essere molto secca. Questo limita la traspirazione della pianta e causa la caduta delle sue foglie.

L’aria secca va controbilanciata con un po’ di umidità e per farlo si possono considerare due diverse strategie. La prima, molto semplice, consiste nello spruzzare dell’acqua direttamente sulle foglie della pianta. Oppure, come alternativa si possono riporre nel sottovaso delle palline di argilla con dell’acqua.

Veniamo a qualche consiglio più specifico. Per curare le piante da appartamento in inverno, ad esempio, bisogna metterle nella zona più luminosa della casa. Queste possono essere riposte anche in esterno, ma l’operazione va effettuata con cura e necessita di tempi prolungati. Le piante da appartamento infatti sono soggette particolarmente agli shock termici. Ergo, vanno riposte già a partire dalla primavera, così da potersi abituare all’ambiente.

Nei mesi invernali, inoltre, è sconsigliata la potatura delle piante da appartamento, che va effettuata o ad inizio primavera oppure fatta prima, in autunno. In inverno al massimo conviene fare delle piccole operazioni come eliminare i rami morti o malformati, ma senza toccare le parti della pianta in verde.

Altra cosa da evitare nel periodo invernale è la concimatura delle piante da appartamento, poiché si tratta di un vero e proprio periodo di riposo per loro. Se poi la pianta è particolarmente sensibile, una soluzione potrebbe essere l’uso di un fertilizzante specifico. In genere le piante da appartamento vanno concimate dalla primavera fino all’autunno, con l’ultima somministrazione di concime da effettuare tra fine ottobre ed inizio novembre, non più tardi.

Come pulire le foglie delle piante da appartamento

Le piante da interni dovrebbero essere tenute lontano da fonti di calore e da getti d’aria ma, soprattutto, dovrebbero essere posizionate all’interno di ambienti spaziosi. Più è grande la stanza in cui la pianta è conservata, maggiore sarà l’aria che circola, e questo è un altro punto a favore della pianta. Proprio per questo motivo bisogna evitare, ad esempio, che le foglie della stessa possano poggiare o comunque stare a ridosso di un vetro, un muro o una parete.

Altro consiglio riguarda l’irrigazione della pianta da appartamento. Ogni volta che va fatta, il vaso dovrebbe essere ruotato. Si tratta di un modo per garantire a tutte le foglie della pianta di ricevere luce dall’esterno. La luce naturale è fondamentale perché è l’unica che può garantire alla pianta la lunghezza d’onda giusta per la fotosintesi clorofilliana.

Per quanto riguarda invece la pulizia delle foglie di una pianta da appartamento, bisogna tenere presente che spesso si deposita la polvere. Ergo, necessitano di essere spolverate: per farlo basta un panno umido. Seguendo tutte queste indicazioni e rispettando i giusti tempi, si dovrebbe riuscire a preservare senza problemi la salute della propria pianta da appartamento.