Come creare un angolo relax in casa: 5 consigli per arredarlo

poltrona e cuscini casa

Oggigiorno sempre più persone decidono di creare un angolo relax in casa. Un micromondo personalizzato e confortevole dove trascorrere un po’ di tempo di qualità. Uno spazio tutto nostro per rifuggire dagli impegni lavorativi e di studio. Un’area protetta da stress e frenesia quotidiana.

Abbiamo sempre più impegni, cose da fare e ricordare. Siamo ossessionati dalle notifiche dei nostri smartphone. E anche le preoccupazioni non mancano mai.

Molte volte il tragitto che facciamo dal lavoro a casa è l’unico vero momento di pace che riusciamo a ritagliarci. Il traffico può addirittura risultare piacevole se consideriamo i compiti che ci attendono di ritorno alle nostre abitazioni. Ecco perché diventa necessario creare un angolo relax in casa.

Se stai cercando informazioni per realizzarne uno, sei nel posto giusto. Fermati qualche minuto, goditi una bevanda calda e prendi nota.

Prima vedremo alcune buone pratiche da seguire per individuare lo spazio ideale, poi ci concentreremo sull’arredamento della nostra zona relax con cinque consigli ad hoc.

Dove realizzare l’angolo relax in casa

La prima cosa da fare è trovare il posto adatto. Può sembrare una scelta di poco conto ma non è così. Individuare un’area specifica per la nostra zona relax in casa è il primo tassello. Gli elementi da tenere in conto sono:

  • Distanza e posizione di finestre o balconi;
  • Dimensione dello spazio interessato e possibili ingombri;
  • Frequenza d’uso dell’area prescelta da familiari o coinquilini.

La luce è fondamentale quando si desidera creare un angolo relax in casa. Disporre di uno spazio illuminato dalla luce del sole e con un ricambio d’aria continuo è un ottimo punto di partenza. Altro fattore da tenere in conto è l’ampiezza dell’area individuata.

Non è necessario uno spazio grande per stare a proprio agio, ciò che conta è che non sia occupato da oggetti ingombranti e non sia di passaggio per altre stanze. Questo ci conduce all’ultimo elemento considerato, che riguarda la disposizione del nostro angolo. È importante che si trovi in un punto non centrale della casa, dove poterci abbandonare al meritato riposo senza interruzioni.

Cinque consigli per arredare l’angolo relax in casa

Individuato lo spazio è arrivato il momento di arredare la zona relax. Come? Ci sono tantissimi modi per personalizzarla secondo i propri gusti e interessi personali. L’arredamento di un luogo, dopotutto, rispecchia canoni di bellezza che per loro stessa natura sono soggettivi. Eppure alcuni elementi sono comuni a tutti gli angoli relax in casa. Vediamo quali.

Divano, Poltrona o Amaca

Il nostro angolo relax deve essere un luogo comodo e ospitale. A seconda dello spazio di cui disponiamo, possiamo optare per varie soluzioni di arredamento: divano, poltrona o amaca.

Il divano, a due o tre posti, offre un vantaggio tanto in termini di comodità quanto di ospitalità e convivialità.

La poltrona, per proprio conto, può rivelarsi ideale nel momento in cui vogliamo rilassarci leggendo un buon libro o ascoltando un po’ di musica.

L’amaca, infine, è un completamento d’arredo più inusuale – ma anche più suggestivo – dei due mobili citati. Il suo dondolio ci culla e conduce rapidamente tra le braccia di Morfeo, oltre a rendere estremamente stiloso il nostro micromondo.

Tappeti e Cuscini

Altro aspetto cruciale nell’arredamento della zona relax riguarda i tappeti. Questi portano con sé un grande vantaggio e un grande svantaggio. Il vantaggio è dato dalla possibilità di camminare comodamente scalzi. Lo svantaggio, invece, sta nel fatto che accumula tanta polvere (quindi non l’ideale per chi è allergico) ed è incline a macchiarsi spesso. È necessaria pertanto una pulizia costante con l’aspirapolvere. Due aspetti da tenere in conto nel momento in cui decidiamo di comprare un tappeto per l’angolo relax riguardano:

  • La qualità del tessuto;
  • La scelta del colore da intonare con l’ambiente circostante ché ispiri il buon umore.

Per completare l’opera, e aggiungere un altro tocco di comodità, è bene munirlo di tanti cuscini, di grandezze e colori differenti (purché intonati col tappeto), così da avere più di una scelta nel momento in cui vogliamo rilassarci.

Luci Calde o Luci Fredde

Abbiamo già detto come sia di fondamentale importanza la luce naturale per la nostra zona relax ed è di altrettanta importanza la scelta delle luci artificiali. Anche se il nostro angolo è adiacente a finestre o balconi, di notte necessiterà di illuminazione.

In questo caso ci troviamo a decidere tra luci calde e luci fredde. Le prime più adatte e consone durante una fase di dormiveglia, le seconde utili e indispensabili per la lettura.

Importante perciò la disposizione di queste all’interno della nostra comfort zone. Una soluzione ideale potrebbe prevedere lampade con luci miste (due calde e una fredda) per soddisfare qualsiasi bisogno in qualsiasi momento.

Tavolino Basso e Pouf

Restando in tema di oggetti funzionali, nell’angolo relax non può mancare un tavolino basso. La scelta del tavolino basso è data per un lato dalla necessità di un mobile dove poter appoggiare riviste, libri o una tazza di tè o caffè; dall’altro la sua importanza si combina con la funzionalità, in quanto poco ingombrante e facilmente posizionabile in altre posti.

Altro pezzo d’arredamento sempre più in voga (e sempre più presente negli angoli relax in casa) è il pouf, utile sia per sedersi sia per stendere le gambe se in combinato con un divano o una poltrona.

Candele e Incenso

Per completare l’arredamento del nostro angolo relax in casa occorre qualcosa che faccia ambient. Poniamo sul tavolino e intorno al nostro spazio delle piccole candele per creare atmosfera e accendiamo dell’incenso per profumare la zona relax. Il potere evocativo di questo odore unito al bagliore tenue delle candele ci condurrà in uno stato di quiete totale, che ci porterà a mettere da parte impegni e preoccupazioni.