Cattivo odore lavandino: cause, rimedi e prevenzione

cattivo odore lavandino

Capita spesso, specialmente nei periodi più caldi dell’anno e nel corso di giornate particolarmente umide, di sentire un cattivo odore dal lavandino (se non addirittura nauseante!). Ebbene, il problema non è poi così difficile da risolvere se si tiene conto del fatto che in commercio esistono sempre più prodotti specifici in tal senso. Peccato che il più delle volte si tratti di articoli pieni di sostanze chimiche e che potenzialmente possono risultare molto pericoli per l’ambiente e per l’uomo stesso.

Proprio per questo motivo, quando lo scarico del lavandino puzza sarebbe meglio utilizzare delle soluzioni, diciamo così, “più casalinghe”. Dei rimedi naturali insomma, che siano al tempo stesso efficaci, economici e soprattutto green. In questa guida ne vediamo alcuni, non prima però di aver provato ad individuare le cause di questo fastidioso fenomeno.

Cattivo odore lavandino cucina, dalle tubature al cibo: le cause possibili

Quando si parla di lavandino maleodorante molto spesso bisognerebbe fare mea culpa. Sì, perché gli spiacevoli odori provenienti dallo scarico di solito non sono altro che il risultato di cattive abitudini che, distrattamente, si mettono in pratica di giorno in giorno. Per fare un esempio, i residui di cibo sono una delle cause principali. Capita infatti di lavare i piatti in fretta e con poca cura.

Sarebbe importante pulirli bene prima di metterli a mollo nel lavabo, così da evitare che i residui finiscano nello scarico. Discorso molto simile va fatto per i detersivi: l’uso abitudinario di questi articoli libera delle sostanze chimiche che finiscono per aderire alle tubature sotto forma di grasso.

Ma a volte il lavandino puzza di fogna anche per colpa dell’acqua stagnante: questa favorisce la proliferazione di muffa e batteri. Soltanto una pulizia periodica può aiutare a limitare il problema. Gli stessi batteri che possono formarsi, in altri casi, per la presenza di tubature ormai vecchie. La muffa inoltre, insieme all’umidità, può finire per deteriorare i giunti delle stesse tubature. Questo rovina il silicone, che emana quindi cattivi odori.

Cattivo odore dal lavandino: alcuni rimedi eco-friendly

Quindi, quali sono le soluzioni alternative per eliminare la puzza dal lavandino? Come si anticipava, accanto alle diverse sostanze chimiche in commercio, si può provare a risolvere la questione aiutandosi con metodi a basso costo e rispettosi dell’ambiente.

Il più comune di questi consiste in un miscuglio di bicarbonato di sodio e sale grosso. Funziona in questo modo: bisogna riempire una pentola di acqua bollente. Dentro questa pentola si fanno sciogliere cinque cucchiai di sale grosso ed altrettanti cucchiai di bicarbonato. A questo punto non resta che versarla nello scarico ed aspettare che faccia effetto.

Per i più pazienti c’è una soluzione forse anche più efficace. Bisogna far bollire due litri d’acqua, aggiungendoci successivamente aceto e sale grosso. Il composto va quindi versato nello scarico ma poco alla volta, facendo passare un’ora da una dose a quella successiva.

Un altro miscuglio valido per eliminare gli odori dal lavandino è il seguente: bisogna far bollire mezzo litro di acqua ed aggiungere un bicchiere di aceto bianco. Si prendono 100 grammi di bicarbonato di sodio, da versare nelle tubature, e successivamente si aggiunge il composto. Lo scarico va quindi tenuto tappato tutta la notte.

Se poi si punta anche ad avere un bel profumo, bisogna mettere insieme sale grosso, chiodi di garofano, foglie di malva ed ancora un po’ di bicarbonato. Il tutto va versato nello scarico e dopo 30-40 min si lascia scorrere acqua calda. L’operazione può essere anche ripetuta diverse volte.

Puzza lavandino cucina: vanno bene anche limone ed olio di lavanda

Ma i rimedi per eliminare cattivi odori dal lavandino non sono finiti qui. L’olio essenziale di lavanda, ad esempio, è un efficacissimo antibatterico naturale. In questo caso bisogna procurarsi un batuffolo di cotone. Questo va bagnato con qualche goccia di olio e va depositato direttamente sul foro del lavandino.

Altrettanto valido può essere il limone. L’alternativa quindi è spremere due limoni e versare il succo direttamente nello scarico. Nel mentre sarebbe meglio evitare di aprire il rubinetto, almeno per qualche ora, ed aspettare che il cattivo odore vada via.

Cattivo odore dallo scarico del lavandino: meglio prevenire che curare

Si sono analizzati una serie di metodi naturali per allontanare la puzza dallo scarico del lavandino. La verità è che con un po’ di pazienza e qualche buona abitudine il problema non dovrebbe ripresentarsi così facilmente. Innanzitutto, il lavello va ripulito dopo ogni utilizzo, così da evitare che si depositino residui di cibo durante la notte. Utilizzare un filtro aiuta a trattenere sostanze indesiderate, facendo passare solo i liquidi.

Per i detersivi: sarebbe opportuno spendere un po’ di più e comprare prodotti di qualità (meglio ancora se eco-sostenibili). Si potrebbe anche spruzzare, ogni tanto, una soluzione di acqua ed oli alla menta. Infine, occhio ai tubi: questi andrebbero puliti, di norma, almeno una volta al mese.

Domande Frequenti – Cattivo Odore Lavandino

Quali sono le cause del cattivo odore del lavandino?

Gli spiacevoli odori provenienti dallo scarico di solito non sono altro che il risultato di cattive abitudini che, distrattamente, si mettono in pratica di giorno in giorno. Per fare un esempio, i residui di cibo sono una delle cause principali.

Ma a volte il lavandino puzza di fogna anche per colpa dell’acqua stagnante: questa favorisce la proliferazione di muffa e batteri. Soltanto una pulizia periodica può aiutare a limitare il problema. Gli stessi batteri che possono formarsi, in altri casi, per la presenza di tubature ormai vecchie. La muffa inoltre, insieme all’umidità, può finire per deteriorare i giunti delle stesse tubature. Questo rovina il silicone, che emana quindi cattivi odori.

Come eliminare i cattivi odori dal lavandino?

Accanto alle diverse sostanze chimiche in commercio, si può provare a risolvere la questione aiutandosi con metodi a basso costo e rispettosi dell’ambiente.

Il più comune di questi consiste in un miscuglio di bicarbonato di sodio e sale grosso. Funziona in questo modo: bisogna riempire una pentola di acqua bollente. Dentro questa pentola si fanno sciogliere cinque cucchiai di sale grosso ed altrettanti cucchiai di bicarbonato. A questo punto non resta che versarla nello scarico ed aspettare che faccia effetto.

Per i più pazienti c’è una soluzione forse anche più efficace. Bisogna far bollire due litri d’acqua, aggiungendoci successivamente aceto e sale grosso. Il composto va quindi versato nello scarico ma poco alla volta, facendo passare un’ora da una dose a quella successiva.

Un altro miscuglio valido per eliminare gli odori dal lavandino è il seguente: bisogna far bollire mezzo litro di acqua ed aggiungere un bicchiere di aceto bianco.