Case infestate, tra fantasmi e presenze soprannaturali

Case infestate dai fantasmi: perché gli spirti restano tra le mura delle nostre case e come aiutarli a slegarsi dal mondo terreno?

 

Ti è mai capitato di assistere a strani fenomeni come oggetti che si muovono in autonomia o elettrodomestici che si accendono e si spengono da soli? Tutti gli amanti del brivido avranno sentito l’adrenalina scorrere nelle vene e non avranno perso un attimo a cercare altri indizi per capire se la loro abitazione potesse rientrare tra le case infestate o tra i luoghi infestati in Italia.

Un caso isolato potrebbe essere solo frutto dell’immaginazione, ma se i segnali si ripetono nel tempo forse è il momento di indagare e di capire meglio cosa potrebbe esserci dietro, e se la sensazione che ci sia qualcosa che non va sia o meno legata a presenze paranormali. Quindi, cominciamo a indagare!

 

Avvistamenti di fantasmi: realtà o immaginazione?

Come abbiamo detto, spesso, un solo evento isolato non è da considerarsi preoccupante, ma se i fatti si ripetono molte volte o si ha la sensazione di essere osservati o toccati costantemente allora si potrebbe pensare di essere alle prese con una presenza soprannaturale.

È importante in questi casi non farsi prendere dal panico e cercare di ricostruire sempre quali sono stati gli accadimenti che hanno portato al verificarsi di una data situazione. Le spiegazioni razionali non tarderanno ad arrivare: solitamente dietro a oggetti che spariscono o si spostano da un luogo all’altro ci può essere la nostra immaginazione, la distrazione o un po’ di stanchezza, ma anche qualche vicino molesto, dei coinquilini burloni o dei topi che si muovono indisturbati dentro casa.

Se così non fosse, come un vero e proprio detective o, meglio, un ghostbuster dovrai prendere nota di tutti gli inconsueti fenomeni a cui hai assistito per capire se davvero la tua abitazione fa parte delle case infestate. Farsi aiutare da registrazioni audio e video può essere un buon metodo, così come chiedere a familiari e amici di fare da testimoni agli eventi che si susseguono tra le mura di casa.

Avere una casa infestata non vuol dire vivere nel timore e nella paura, infatti, spesso i fantasmi convivono pacificamente con i proprietari e sono completamente innocui. Ovviamente, però, si può invitare la presenza a lasciare la casa e ad andare altrove. Per fare questo è utile individuare il modo migliore con cui comunicare con chi occupa la casa e, quindi, capire la tipologia della presenza e il carattere della stessa analizzando anche la storia della propria abitazione ed eventuali connessioni con gli abitanti precedenti o avvenimenti che li riguardano.

 

Fantasmi e spiriti, come riconoscerli?

Sebbene non ci siano studi scientifici a supporto nelle teorie che raccontano della presenza di fantasmi all’interno nelle case infestate, sono molti coloro che hanno fatto ipotesi sul perché si possano avvertire all’interno delle proprie abitazioni.

La versione più quotata è quella che prevede che i fantasmi siano gli spirti di persone morte, ma che per qualche motivo sono rimaste bloccate a livello dell’esistenza terrena e non sono riuscite ad andare oltre. Le cause possono essere diverse, ma sono spesso legate a una tragedia o a un forte trauma subito in vita e non risolto al momento della morte. Inoltre, si ipotizza che i fantasmi non siano consapevoli della loro condizione.

Per farsi notare, il fantasma si manifesta nelle case infestate in differenti modi:

  • disturbi elettrici alle luci, alla radio, alla TV o ad altri elettrodomestici;
  • movimento o sparizione di oggetti;
  • suoni e rumori;
  • luci e ombre che si intravedono in casa;
  • profumi e odori insoliti;
  • nebbie e vapori che appaiono dentro o intorno alla casa.

Queste manifestazioni non sono altro che richieste di aiuto e quando le persone che vivono in casa non realizzano, o non percepiscono la presenza del fantasma, questo può sentirsi frustrato e fare alcune azioni che possano attirare l’attenzione. Per andare oltre l’evento traumatico è necessario far sentire al fantasma la propria comprensione

 

Case infestate dai fantasmi, come liberarsene

Quindi, gli spiriti si sono bloccati nelle case infestate perché hanno ancora qualcosa di irrisolto e per aiutarli a liberare la casa è importante quali sono le motivazioni che li tengono ancorati al mondo terreno.

Solo conoscendo il fantasma e la sua storia sarà possibile dialogarci e domandargli di andarsene. Si possono utilizzare frasi gentili e concilianti come: “Questo non il tuo posto, è ora che tu vada avanti e prosegua per la tua strada” e altri lieti messaggi. Parla con loro a voce alta e avvalendoti di parole amorevoli che trasmettano empatia per permettere loro di trovare la pace, slegarsi dal mondo terreno e andare via.

Rispetto ai riti veri e propri per aiutare le presenze a lasciare le case infestate potrebbe giovare bruciare dei mazzetti di salvia in casa e pregare, meditare o ballare insieme a un gruppo di persone incanalando la propria volontà attraverso queste azioni in modo da creare uno spazio ricco di energia positiva, capace di far sentire il fantasma compreso e farlo andare via.

Se occupi una casa infestata e il brivido del mistero non fa per te, c’è un’unica soluzione: comprare una nuova casa in vendita tra quelle presenti su Immobili Ovunque e ti assicuriamo che potrai dormire sempre sonni tranquilli!

Vota l’articolo:

5 / 5 (1 votes)

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

LASCIA UN COMMENTO