Canna fumaria esterna: come funziona, normativa e prezzi

canna fumaria esterna

Rispetto agli scarichi di fumo delle abitazioni, recentemente la normativa si è pronunciata con regole molto precise da rispettare e tutto sembra ruotare attorno a una certezza: la canna fumaria esterna è obbligatoria e deve sfociare al di sopra del tetto. Volete saperne di più? Procedete con la lettura.

Normativa canna fumaria esterna

Come anticipato, stando alla normativa attuale la canna fumaria esterna dovrà sempre sfociare al di sopra del tetto. Infatti, secondo la Legge 90 del 2013, tutti gli scarichi dei fumi della combustione devono avvenire al di sopra del tetto, in particolare 1 metro sopra il colmo del medesimo.

E non è più possibile servirsi del vecchio scarico a parete (basato su semplice foro a muro).

Non esistono eccezioni? In verità sì e lo scarico a parete è ancora possibile in alcuni casi.

Ad esempio, se dovete lavorare su edifici storici o sottoposti a tutela, per cui spesso non sono ammessi comignoli e l’unica possibilità è proprio lo scarico a parete.

O magari se state sostituendo una caldaia che già scaricava a parte (prima del 31 agosto 2013). Ma attenzione: il medesimo scarico a parete dovrà essere giustificato come “legittimo”, quindi comparire nella planimetria o altri documenti ufficiali.

Se, secondo un professionista, si verifica una impossibilità tecnica: e il tetto non è raggiungibile per scaricare i fumi.

Se state facendo una sostituzione di una caldaia a camera aperta (e a tiraggio naturale), che scarica su canna fumaria collettiva e condominiale.
Sì, lo sappiamo… questi termini tecnici potrebbero suonarvi decisamente nuovi. Per praticità proseguiamo ricordandovi alcune macro differenze tra tipologie di caldaie.

Tipologie di caldaie

La normativa, come abbiamo visto, scende nel dettaglio e le cose cambiano non solo in base al tipo di scarico ma partendo dalla tipologia di caldaia. Per questo è bene rivederne velocemente le differenze:

  • Caldaie a camera aperta: i fumi vengono evacuati all’esterno tramite la canna fumaria e l’aria della combustione viene aspirate dall’ambiente dove si trova la caldaia.
  • Caldaia a camera stagna: tutto il circuito di combustione è definibile “stagno” e anche l’aria viene prelevata dall’esterno e poi canalizzata, evitando le contaminazioni dell’aria dell’ambiente.      
  • Caldaie a condensazione: si tratta di una particolare caldaia a camera stagna, che per migliorare l’efficienza, sfrutta direttamente la condensa.

Canna fumaria esterna, prezzi e materiali

Parliamo ora di materiali, quando si parla di composizioni e rivestimenti per la canna fumaria abbiamo una scelta piuttosto ampia: mattoni, plastica, acciaio… solo per citarne alcuni.

Ad esempio, la scelta della plastica potrebbe sembrarvi interessante per la sua convenienza di costi, il problema è che a particolari condizioni pecca di resistenza. Motivo per cui è meglio orientarsi sull’acciaio: che avrà un costo più alto ma una maggiore resistenza.

Se invece preferite una scelta elegante, prendete in considerazione il rame (con interno in acciaio) molto usato per le canne fumarie dei centri storici.

E se vi state chiedendo, alla fine quanto costa fare una canna fumaria esterna? Sappiate che la spesa finale non dipenderà solo dal materiale delle coperture per canne fumarie esterne ma anche dalla ubicazione, dalla lunghezza e dall’uso (se la canna fumaria è condominiale o privata).

Altri aspetti della normativa e autorizzazione per canna fumaria esterna

Le accortezze che vanno seguite secondo la normativa non sono finite. Per essere pienamente sicuri di rispettare ogni legge dovrete controllare anche i Regolamenti edilizi comunali e le Direttive regionali e, a fine lavori, richiedere la Dichiarazione di conformità dell’impianto installato.

In sostanza, informarsi e avere un’idea generale è molto importante, soprattutto se state acquistando un nuovo appartamento e sapete già che ci sono dei lavori da sostenere. Data la complessità della questione, una buona consulenza da una ditta o da un professionista esperto rimane il modo più sicuro per essere certi di non perdersi nemmeno un cavillo delle norme.