Bagni prefabbricati: tipologie, vantaggi e prezzi

bagno prefabbricato

Quando si ha intenzione di ristrutturare parte della casa o dell’ufficio oppure si ha necessità di realizzare dei servizi igienici in poco tempo per delle attività temporanee (eventi pubblici, cantieri, etc.) la soluzione più conveniente da considerare è senza dubbio quella del bagno prefabbricato.

Il fenomeno del bagno prefabbricato nasce come monoblocco per dotare appunto di servizi igienici quei luoghi che normalmente ne sono privi: dal capannone ad uffici senza rete fognaria, passando per un cantiere o un laboratorio. Ebbene, col tempo il bagno prefabbricato da esterno si è evoluto, finendo per diventare una soluzione innovativa (e soprattutto rapida) anche per progetti più importanti.

Negli ultimi anni infatti sta trovando sempre più spazio nelle ristrutturazioni e più nello specifico nelle opere di edilizia civile. Il vecchio pregiudizio quindi di bagno adatto al solo ambito industriale o utile unicamente per soluzioni temporanee sembra definitivamente superato.

Bagno prefabbricato in legno: più adatto alle attività

In tema di bagni pubblici prefabbricati bisogna sottolineare che una scelta del genere è sempre più adottata anche nel settore dell’ospitalità. In particolare, il bagno prefabbricato in legno rappresenta un’opzione molto diffusa nel settore della ristorazione, negli hotel, in stabilimenti balneari ed impianti sciistici, fino a chioschi e bar.

Si tratta di una scelta in grado di coordinare l’efficienza del servizio alla rapidità di costruzione, considerando che la progettazione di queste soluzioni è diventata ormai di tendenza. Ma il legno non è l’unico materiale utilizzato in tal senso.

Bagno prefabbricato in vetroresina: diffusione e caratteristiche

Ad esempio, un’altra tipologia di bagno pubblico prefabbricato a cui si guarda con grande interesse è quello in vetroresina. Un materiale del genere garantisce operazioni in tempi brevi e soprattutto una flessibilità fuori dal comune, non a caso è diffuso soprattutto in hotel e alberghi. Si pensi ad esempio alla ristrutturazione di una struttura del genere, che deve aggiungere servizi igienici in zone o camere non previsti nei progetti originali.

I bagni prefabbricati in vetroresina vengono progettati a monte, quindi realizzati in un unico blocco autoportante. Questo viene preassemblato o, in alternativa, montato direttamente sul posto. La vetroresina è considerata in assoluto come uno dei materiali più efficienti per realizzare un box bagno prefabbricato. Questa, infatti, è robusta e rigida, risulta facilmente isolabile ed impermeabile.

Al tempo stesso è molto leggera da trasportare ed è flessibile, permettendo una personalizzazione a seconda degli spazi. In ultimo, ma non meno importante, è considerato uno dei materiali più igienici in assoluto sul mercato: un vantaggio non indifferente viste le stringenti normative igieniche da rispettare nei diversi settori.

Bagno prefabbricato per la casa: perché ne vale la pena

Ma perché i bagni prefabbricati per interni dovrebbero essere utilizzati anche nell’edilizia civile? Perché questi presentano una serie di vantaggi. Primo fra tutti, la rapidità di ispezione in caso di guasto. E poi, al contrario di quanto spesso si crede, utilizzare dei bagni prefabbricati per la casa non significa rinunciare all’estetica.

Nella scelta di un modulo del genere, col tempo, si sta ponendo sempre più attenzione alle caratteristiche dei materiali, alle finiture, ai particolari costruttivi, motivo per cui i bagni prefabbricati componibili non hanno davvero nulla da invidiare ai “cugini” tradizionali.

La tecnologia ha fatto passi da gigante e oggi può offrire dei box prefabbricati con bagno davvero completi di ogni minimo confort: questi conciliano l’estetica ed il relax ad un’installazione molto più semplice e una manutenzione assai più economica. Questi bagni non necessitano di alcun tipo di intervento murario e permettono di eseguire ristrutturazioni intervenendo nelle tubazioni con rapidità, non essendo queste inserite nella muratura della casa stessa.

Parlando invece di svantaggi, uno in effetti c’è: i bagni prefabbricati da interno non possono essere installati in tutte le strutture abitative. In particolare, questi non sono adatti alle strutture storiche, soprattutto per questioni di stile. Si tratta di installazioni adatte agli appartamenti di nuova costruzione o a case ristrutturate ma comunque moderne. Premesso questo, è il momento di capire a quanto ammonta il costo del bagno prefabbricato.

Bagni prefabbricati prezzi: le variabili sono tante

In verità non è possibile stabilire con precisione il prezzo di un bagno prefabbricato, soprattutto perché i fattori da considerare sono davvero tanti: dalle dimensioni della cellula a quelle volumetriche del bagno stesso, dalla presenza di tutti o meno i componenti interni del bagno alla qualità dei materiali adottati. Giusto per dare l’idea, il prezzo di un prefabbricato di base dovrebbe andare tra i 700-800 fino a 2.500 euro.

In caso di struttura pubblica e quindi con divisione maschio-femmina e con presenza di bagno prefabbricato per disabili si può andare dai 2.500 ai 4.000 euro. E ancora, se invece il bagno stesso presenta delle cellule personalizzabili il prezzo può superare anche i 5.000 euro.