Arredo da ufficio: l’importanza dell’ergonomia

arredo ufficio

Uno dei cambiamenti più evidenti nello stile di vita degli ultimi anni è la crescente tendenza a lavorare da casa. Tra i vari vantaggi dello smart working c’è sicuramente la possibilità di essere più flessibili nei tempi e nel non dover subire lo stress del pendolarismo ma bisogna anche sapere come organizzare i propri spazi in modo efficiente per essere sempre produttivi.

Che ci si trovi in ufficio o casa, è bene comunque tenere presente alcuni aspetti nel momento in cui si considerare come arredare una postazione di lavoro, come: quanto spazio è necessario per svolgere il lavoro? Oltre ad una scrivania e ad una sedia quali strumenti e dispositivi occorrono e dove devono essere collocati? E poi, c’è bisogno di luce naturale o di lampade particolari?

Ergonomia ed efficienza

Qualsiasi siano le nostre scelte d’arredo è bene ricordare di non anteporre l’estetica alla propria comodità. Seguendo i principi base dell’ergonomia, bisogna assicurarsi che le altezze del monitor, del piano di lavoro, della sedia e della tastiera siano corrette in relazione alla propria statura e l’illuminazione sia appropriata. In genere, la luce d’ambiente dovrebbe essere tra i 500 ed i 1000 lux mentre il lavoro al computer richiede un livello luminoso inferiore, tra i 300 ed i 500 lux. Lavorare alla tastiera risulta più comodo e più idoneo a prevenire patologie se questa è collocata di fronte al corpo, a una distanza tra i 10 e i 40 cm, e a un’altezza tale da non rendere necessario sollevare le spalle e in modo che i polsi e gli avambracci siano dritti. Meglio se è di tipo ergonomico.

Bisogna stare attenti a mantenere la posizione corretta quando si rimane seduti a lungo e disporre bene il computer o le attrezzature che si utilizzano. É importante mantenere una posizione con la schiena diritta e ben appoggiata, come i piedi a terra e usare una pedana quando la sedia è troppo alta. Il monitor si deve inoltre regolare in modo da fargli formare un angolo di 30 gradi con la linea diretta di visione in modo da non affaticare gli occhi e le spalle.

Scegliere la sedia e la scrivania da ufficio

In una zona dedicata al lavoro i due elementi fondamentali a cui dover dedicare la maggior attenzione in fase di scelta sono la poltrona ed il tavolo, poiché saranno i complementi d’arredo di cui faremo più uso.

La prima cosa da considerare parlando di sedie da ufficio, è la libertà di movimento che si può ottenere in posizioni diverse, o anche grazie alle rotelle. Dato l’elevato numero di ore che viene usata, la seduta deve essere imbottita, basculante e con il bordo anteriore tondeggiante; l’altezza deve essere regolabile in modo da poter restare seduti con la piante dei piedi appoggiate sul pavimento e in linea con le gambe. Lo schienale deve seguire la linea della colonna vertebrale e deve essere reclinabile per consentire di distendersi leggermente, di allungarsi e di cambiare posizione.

Oltre tutto, la poltrona da ufficio, nella sua conformazione e nei materiali può assurgere anche a oggetto di design e le migliori sono costruite usando componenti che rispettano l’ambiente. Le sedie da ufficio più economiche costano meno di 100 Euro e presentano meno imbottitura o mancano di caratteristiche modificabili come l’inclinazione dello schienale rispetto alle poltrone ergonomiche. Il prezzo di queste ultime oscilla dal centinaio di Euro in su, costi che sono comunque molto scesi negli ultimi anni rispetto alla qualità dei prodotti.

Per quanto riguarda la scrivania, una volta stabilite le dimensioni necessarie per gli oggetti, come il Pc, che la occuperanno, possiamo considerare altri fattori come se è possibile regolarne l’altezza per non far incurvare la schiena nel momento in cui ci appoggiamo ad essa. Si può notare anche se i suoi spigoli siano o meno tondeggianti, per proteggere i polsi e le braccia, o se siano dotati di sistemi integrati per nascondere i cavi dei dispositivi.

Le scrivanie da lavoro, come gli altri tipi di mobili, adattandosi allo stile generale dell’ambiente, possono essere di vetro temperato, con inserti di metallo o completamente di legno, ma a volte presentano degli incavi ergonomici o più livelli per poggiare la tastiera ed il monitor.