Arredare casa con gli specchi: i consigli per iniziare subito

specchio camera

Scegliere colori, tessili ed accessori può rivelarsi un compito arduo, ma anche uno degli aspetti più interessanti nell’arredare casa con gli specchi. Bisogna innanzitutto stabilire quali possano essere i punti forti di ogni stanza e valorizzarli, per far concentrare su di essi l’attenzione dello sguardo. Gli specchi possono rivelarsi di grande aiuto in questo, anche grazie al fatto che i riflessi da loro prodotti creano una moltitudine di illusioni ottiche.

L’utilizzo dello specchio è un sistema collaudato per amplificare la sensazione di spazio. Posti di fronte o accanto ad una finestra, essi tenderanno, oltre a ciò, ad aumentare la quantità di luce presente all’interno della stanza. Un altro vantaggio che si ottiene dal loro uso riguarda il fatto che sono in grado di alterare l’intera prospettiva di un ambiente.

Quali specchi scegliere?

Prima di addentrarci nell’analisi di alcune soluzioni di impiego degli specchi a seconda delle varie camere, bisogna inizialmente tenere d’occhio alcuni punti pratici per scegliere quelli che fanno al caso nostro:

  • in casa sono presenti bambini o animali che potrebbero romperli o farsi del male?
  • qual è il nostro budget di partenza?
  • desideriamo degli specchi lavorati artigianalmente o di produzione industriale?
  • qual è lo stile complessivo della nostra casa?

Fatte queste premesse, i tipi di specchio più utilizzati comprendono quanto segue.

  1. Gli specchi in lamiera, solitamente i più costosi e per la quale è bene tener presente che, in termini di sicurezza, a una loro maggiore grandezza corrisponde un equivalente ampio spessore. Ciò potrebbe risultare in ulteriori costi derivanti dal raccomandato montaggio di tipo professionale.
  2. Le piastrelle a specchio sono invece più convenienti ma richiedono da parte loro una superficie di attacco completamente piatta, per evitare un effetto deformato dell’immagine riflessa. Una buona base su cui montarle può essere offerta da una serie di listelli di compensato.
  3. Gli specchi acrilici o di plastica si presentano infine come le alternative più economiche e agevoli per arredare in semplicità ma, se proprio vogliamo trovare un punto debole, soffrono nel non offrire la stessa profondità dei vetri a specchio.

Arredare le stanze con gli specchi

La stanza da pranzo ed il corridoio sono certamente i luoghi in cui ci si può sbizzarrire di più. A seconda che la casa abbia uno stile più moderno, classico o, perché no, shabby, potete creare dei design particolari applicando piccoli specchi da parete per creare linee o figure, oppure appoggiarne uno più grande a terra, su un mobile o sul caminetto.

Via libera alla fantasia anche grazie alla varietà di cornici che si trovano in commercio, per personalizzare come più preferiamo i nostri ambienti, senza però dimenticare la scelta dei materiali di cui sono composte. Ogni cornice infatti, così come avviene per i quadri, dona un valore diverso anche agli specchi che adornano: una cornice dorata, ad esempio, valorizzerà sicuramente un arredamento meno contemporaneo rispetto, invece, ad una cornice con modanature lisce metallizzate.

Per cambiare look alla stanza da letto, e rendere al contempo le camere piccole visivamente più spaziose, possiamo procedere al montaggio di porte degli armadi a specchio in modo da ottimizzare anche gli spazi occupati da eventuali specchi da terra. Altrimenti – nel caso disponiamo di una cabina armadio – l’ideale sarebbe piazzare al suo interno una specchiera illuminata a figura intera.

Nel bagno, per le sue caratteristiche funzionali più che di arredamento, è fondamentale disporre di almeno una superficie riflettente. Possiamo posizionare sul lavabo uno o più specchi illuminati a led, sceglierne uno con mensole, oppure aggiungerne uno della misura del mobile principale.

Concludiamo con la cucina, il luogo apparentemente meno scontato per specchiarsi. Qui l’opzione per cui optare sono le già nominate piastrelle a specchio, che, nella loro duttilità, possono decorare in mille modi assumendo forme diverse e adattandosi anche alle cucine più minimaliste. A fornire maggiore luminosità provvedono anche i complementi di vetro laccato o gli specchi orizzontali.

Nelle cucine in stile shabby possono poi far capolino le credenze specchiate in legno, che mettono in risalto gli oggetti, meglio se non abbinati e anticati, che rendono così particolare questa forma di arredamento.